fbpx

Acri ancora in zona rossa

I dati relativi ai tamponi dell’ultima settimana non lasciano scampo: Acri rimarrà in zona rossa; che, giusto per chiarire, al di là di chi lo scrive e non rettifica la fake news, non è mai stata revocata, almeno per un’altra settimana. Per quanto riguarda scuole, il sindaco Pino Capalbo ha chiesto all’Asp di avere i risultati dei positivi distribuiti sui plessi. Domani si esprimeranno anche le scuole, ma si va verso la proroga della didattica a distanza.

2 risposte

  1. aviteritti2012 ha detto:

    Il ritorno a scuola il 27 aprile, almeno per le elementari, si può e si dovrebbe fare. Ma lo vogliono i dirigenti scolastici, gli insegnanti, le famiglie, gli amministratori? Di certo lo vorrebbero i bambini e le bambine. Non solo per allegerire le famiglie, la madri e i padri che lavorano, ma perchè è giusto verso i più piccoli. Certo ci vorrebbe volontà, organizzazione, sicurezza e responsabilità. Sono queste le competenze che continuano a mancare? Se neanche le elementari aprono forse allora oltre alle famiglie sono le scuole a non essere pronte? Il virus non svanirà il 27 aprile, non il 3 maggio e neanche il 20 giugno. Bisogna prepararsi sui territori, in modo coordinato e consapevole tra tutte le componenti sanitarie, sociali, istituazionali e familiari. E’ questo che non sta accadendo. E ognuno aspetta la sorte…come cantava Pino Daniele.

  2. Francesco Tocci ha detto:

    Condivido la precedente riflessione….ed aggiungo che la mancata riapertura delle scuole produrra’ quel concetto tanto caro al governo ed ai governanti : 《 il rischio poco calcolato che i nostri figli saranno sicuramente i ragazzi meno competitivi nella scuola del domani》

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!