fbpx

Grazie al personale sanitario degli ospedali di Acri e Cosenza mio fratello continua a vivere

Della sanità calabrese in generale, cosentina e acrese in particolare, si parla spesso delle sue presunte inefficienze.

Io qui voglio testimoniare tutta la mia gratitudine al personale sanitario che ha preso in cura mio fratello, colpito da infarto nei giorni scorsi.

Se non fosse stato per la grande professionalità della dott.ssa Montalto, del dott. Lupo e di tutta l’équipe presente in Pronto Soccorso, che è intervenuta, oggi probabilmente mi ritroverei a dover affrontare un dramma familiare. Così come voglio ringraziare pubblicamente tutti coloro che all’ospedale civile dell’Annunziata di Cosenza hanno eseguito l’intervento risolutivo. Non solo professionalità, ma anche grande umanità. In tutti, dalle guardie ai medici.

E’ stato solo grazie al loro pronto e qualificato intervento se mio fratello continua a vivere. In quei momenti occorre agire alla svelta e con lucidità. Ed è esattamente quello che è avvenuto.

Queste professionalità operano nel nostro ospedale e nella sanità calabrese troppe volte bistrattata ingiustamente, spesso in situazioni difficili, a tutela della salute di tutti noi ed è giusto che la comunità gli renda merito per quello che fanno.

Mario Ritacco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!