fbpx

Nu pìazzu e paravisu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Nu pìazzu e paravisu
 
A ssa Calabria nostra, vasèata e du sudu,
‘mpusa e du mèaru, ornèata e cuduri,
abbellita e d’acìalli ccu llu cantu e llu vudu,
e ttàvudi ricchi e cìantu sapuri.
 
C’è nnu pìazzu e virdu, ch’è nnu paravisu,
accogli lli genti u vìarnu e ll’astèati,
ssu pìazzu e virdu, Diu cci ll’ha mmisu,
e nnua, simu propiu affurtunèati!
 
Ci su l’Arvu, l’Ampollinu e llu Cecita,
ccu ll’acqua frisca e cristallina,
cci su prèati ricamèati cum’a sita,
accarizzèati e chill’arijicella fina.
 
C’è Montescuru chi guarda dde lla ssupa,
Botte Donèatu, lli tena ccumpagnìa,
ammuccèati e chilla neglia cupa,
camìnani li dupi ppe lla via.
 
D’astèati è nnu viarìallu e genti e gustu,
ccu sseggi, tavudini e ccisti ccu mmangèari,
s’accàmpani a nnu friscu ppe nn’arrustu,
alla finita, sonèari e d’abballèari.
 
E vìarnu càngia ppella, si fa janca,
cchi ccosa bella stèari a lla guardèari!
Ppe lli guagliuni a cuntentizza u mmanca,
tutti a Camigliatìallu ppe scièari.
 
Cumi è bella ssa Sida nostra,
ssa furtuna sudu nua ll’èamu avuta,
u pinu, u lèagu, u dupu e lla jinostra;
è llu ricùardu ppe lla genti chi c’è jjuta!
 


 

 
 
 
Un pezzo di paradiso
 
Su questa Calabria nostra, baciata dal sole,
bagnata dal mare, ornata di colori,
abbellita da uccelli col canto e col volo,
e tavole ricche di cento sapori.
 
C’è un pezzo di verde, che è un paradiso,
accoglie la gente in inverno e in estate,
questo pezzo di verde, Dio c’è l’ha messo,
e noi, siamo proprio fortunati!
 
Ci sono l’Arvo, l’Ampollino e il Cecita,
con l’acqua fresca e cristallina,
ci sono prati ricamati come la seta,
accarezzati da quell’arietta fine.
 
C’è Montescuro che guarda da lassù,
Botte Donato, gli tiene compagnia,
nascosti da quella nebbia folta,
camminano i lupi per la via.
 
In estate è un viavai di gente di gusto,
con sedie, tavolini, e cesti con cibo,
si accampano all’ombra per un arrosto,
alla fine, si suona e si balla.
 
D’inverno cambia pelle, diventa bianca,
che cosa bella stare li ad ammirarla!
per i ragazzi l’allegria non manca,
tutti a Camigliatello a sciare.
 
Come è bella questa Sila nostra,
questa fortuna solo noi l’abbiamo avuta,
il pino, il lago, il lupo e la ginestra;
è il ricordo per la gente che c’è stata!








 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!