fbpx

E murmuria

Il Vernacoliere di Angelo Canino
… E murmuria
 
Mina ccu lla zappa ncignanni e da matina,
callusi su lli mèani, arrappèati cum’u dignu
canùscini sudamenti u sudu e ll’acquatina,
suduru a ddiri basta, ma pocu è llu guadagnu
 
quanni è ppe lla via,
si vota e murmurìa.
 
Nchiova llu scarpèaru intra na grutticella,
tacchi e supatacchi a chilli scarpi rutti,
picca è llu guadagnu e nnenti vita bella,
u giustu ppe campèari ca suni tìampi brutti
 
n’èatru munnu illu vodìa,
ci penza e murmuria.
 
Allìja a d’unu a d’unu i jungi e di jumèari,
assettèatu a nnu friscu e murajancu,
i ntrizza ppe cci fèari sportuni e ppanèari,
ncunu u vinna e ncunu u duna francu,
 
tinta è ssa fatiga mia,
s’abbenta e murmuria.
 
A sarma dighèata supa u mudu a ccarrichèatu,
e mmo ll’aspetta chilla via irta e spèara,
ancora u pèanu e oji unn’è abbuschchèatu,
ppe ccampèari a ssa vita trista e amèara,
 
all’irtu e chilla via,
arranca e murmurìa.
 
Appena azèata duna llu dattu a lli quatrèari,
alluma llu fuacu e ppripèara lla minestra,
gallini, cunigli e ppùarci e cuvernèari,
sudu n’occhièata ugnettanti e da finestra,
 
è tardi e ssi manìa
è stanchèata e murmuria.
 
U campèari a cchilli tìampi era tantu tristi,
jettanni sudura, chilli jùarni passàvani,
era chissa a vita e chilli pòvari cristi,
fatiga senza guadagnu … e murmuriavani.
 
… E mormora
 
Picchia con la zappa iniziando dal mattino,
callose sono le mani, appassite come il legno
conoscono soltanto il sole e la rugiada,
sudore a volontà, ma poco è il guadagno
 
quando è lungo la via,
si gira e mormora.
 
Inchioda il ciabattino in un grottino,
tacchi e sopratacchi a quelle scarpe rotte,
poco è il guadagno e niente vita bella,
il giusto per campare perché sono tempi brutti
 
un altro mondo lui voleva,
ci pensa e mormora.
 
Seleziona uno per uno i giunchi delle fiumare,
seduto sotto l’ombra di un gelso,
li intreccia per farci ceste e panieri,
qualcuno lo vende, qualcuno lo regala
 
mera è questa fatica mia,
si riposa e mormora.
 
La soma legata sul mulo ha caricato,
e adesso lo aspetta quella via irta e impervia,
ancora il pane di oggi non è guadagnato,
per campare in questa vita triste e amara,
 
alla salita di quella via,
arranca e mormora.
 
Appena alzata dona il latte ai bambini,
accende il caminetto e prepara la minestra,
galline, conigli e maiali da accudire,
solo un’occhiata ogni tanto dalla finestra,
 
è tardi e fa in fretta,
è stanca e mormora.
 
Il vivere in quei tempi era tanto triste,
buttando sudore, quei giorni passavano,
era questa la vita di quei poveri cristi,
fatica senza guadagno … e mormoravano.

Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!