fbpx

Alla mmrunèata

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Alla ‘mmrunèata
 
Quanni u sudu sta ppe ss’ammuccèari,
ppe ffèari postu alla duna ccu lli stilli,
a massèara ‘ncigna a mminestrèari,
ppe llu maritu e ppe lli pittirilli.
 
U zappaturu si ricoglia dda marina,
ccu lli rrobbi ‘nzuppèati e di sudura,
è ccu nna ‘mposta e dardu e stamatina,
chilla minestra ppe lla via ‘nzapura.
 
I gallini stò ppe ss’ammasunèari,
u pùarcu è allu zàccanu ch’è abbuttu,
u ciucciu va ppe ss’abbivarèari,
e ssi va ccurca a nnu paglièaru ruttu.
 
U pecurèaru ha ‘nchiusu i pìacuri alla casella
e stamatina ll’ha ppasciutu all’erba frisca,
‘ncumpagnìa e nu chèanu e dde na canzunella
ccu nna ccettulla nu cerasìallu allisca.
 
A vurpa si sta ppriparanni,
a jjiri ‘ncèrca e nidi e ggallinèari,
i vurpicìalli anziusi sto aspettanni,
chi lli porta nu galluzzu ppe mmangèari.
 
Alli chèasi i dumi su appiccèati,
i cimineji ‘ncìgnani a ffumèari,
a cchilli mura ‘mpusi e stonachèati,
chilla vrèascia serba a cquadijèari.
 
Alli focudèari ‘ncìgnani i rumanzi,
e da guerra e dde di tìampi juti,
attramenti finìscini i pitanzi,
e lli carbuna su sempri cchiù minuti.
 
 T’affacci fora … e dè ffattu notti
All’imbrunire

Quando il sole sta per tramontare,
per far posto alla luna con le stelle,
la massaia inizia a cucinare
per il marito e per i bambini.

Il contadino ritorna dalla marina,
con i vestiti inzuppati di sudore,
è con un pezzo di lardo da stamattina,
quella minestra camminando, assapora.

Le galline stanno per appollaiarsi,
il maiale è nel porcile ed è sazio,
l’asino va ad abbeverarsi
e va a dormire in un pagliaio rotto.

Il pastore ha rinchiuso il gregge nell’ovile,
da stamattina le ha pascolate all’erba fresca,
in compagnia di un cane e di una canzoncina,
con un’accetta un ciliegio sfoltisce.

La volpe si sta preparando
per andare in cerca di nidi e di pollai,
i volpini ansiosi stanno aspettando,
che gli porti un galletto per sfamarsi.

Nelle case i lumi sono accesi,
le ciminiere iniziano a fumare,
a quei muri umidi e stonacati,
quella brace serve a riscaldare.

Ai caminetti iniziano le romanze,
della guerra e dei tempi andati,
nel frattempo terminano le pietanze,
e i carboni sono sempre più consumati.

Ti affacci fuori … ed è notte.

Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!