fbpx

A mutanna e du jùarnu cchiù bìallu …… u jùarnu cchiù bruttu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A mutanna e du jùarnu cchiù bìallu …
… u jùarnu cchiù bruttu
 
Mi ricùardu tantu tantu tìampu arrìati,
quanni chissi èrani pòvari e spèari,
c’èrani èatri usanzi chi moni su spariti
c’era chjinu e dordìzia e mmeadicampèari.
 
Nun appena èrani diventèati giuvanottìalli,
tutti intra chilli terri a jjettèari fatiga e suduru
ccu ppichi, tridenti, faciùni e zzapparìalli
ppe ‘ncunu sordu e stipèari ppe llu futuru.
 
Crisciùtu n’campagna, na vita ha zzappèatu
nu pòvaru e chissu è stèatu Carminìallu,
tutti i jùarni, u quazunu arripezzèatu,
a mutanna, sudu allu jùarnu cchiù bìallu.
 
Quanni pu cchiù rrannu s’è ffattu zitu,
i sudura accucchjèati intra chillu carusìallu,
serbìani ppe llu maritèari, u cummitu
e la mutanna e ssu jùarnu cchiù bìallu.
 
A festa ccu lli mmitèati avanti a porta,
a nna tavudèata, u mangèari e llu vinu,
alla finita, mmitèati, zitu e cunsorta,
ballavani ccu organetta e ttummarinu.
 
A sira s’ha ccaccèatu chilla bella mutanna,
intr’ u guardarrobba ccu ccura ll’ha stipèata
appichèata intra lla, ppe quanti vita spanna
e ppe ttant’anni unn’è stèata mèai tocchèata.
 
E d’alla mugliera ssa vudentà lli dassèava,
e sa mìntari ‘ncùallu n’èatra vota sudamenti
tra ciant’anni quanni all’èatra vita passèava
chiudìanni u circhju e ssa vita fatta e stenti.
 
Quanni d’èatru munnu lla d’apìart’u cancìallu,
u ricùardu e na gioia era ddiventèatu duttu,
c’a mutanna e du jùarnu cchiù bìallu,
si ll’ha mmisa ssu jùarnu cchiù bruttu.
L’abito del giorno più bello …
… nel giorno più brutto
 
Ricordo tanti, ma tanti anni fa,
quando questi erano poveri e tristi,
c’erano altre usanze adesso sparite,
c’era pieno di sporcizia e male vivere.
 
Non appena erano diventati ragazzotti,
tutti in quei terreni a buttare fatica e sudore
con picconi, tridenti, falcioni e zappette
per qualche soldo da conservare per il futuro.
 
Cresciuto in campagna, una vita ha zappato,
un povero di questi è stato Carminello,
tutti i giorni con il pantalone rattoppato
l’abito solo nel giorno più bello.
 
Quando poi più grande, si è fidanzato,
il sudore raccolto in quel salvadanaio
servivano per sposarsi per il banchetto
e l’abito di questo giorno più bello.
 
La festa con gli invitati all’aperto,
su di una tavolata, il cibo e il vino,
alla fine, invitati, sposo e consorte,
ballavano con organetto e tamburello.
 
La sera si è tolto quel bel abito,
nel guardaroba con cura lo ha conservato
appeso li dentro, per quanta vita c’era ancora
e per tanti anni non è stato mai più indossato.
 
E alla moglie questa volontà gli lasciava,
di indossarlo un’altra volta soltanto
tra cent’anni quando sarebbe morto
chiudendo il cerchio di quella vita di stenti.
 
Quando la morte gli ha aperto il cancello,
il ricordo di una gioia era diventato lutto,
perché l’abito del giorno più bello,
lo ha indossato nel giorno più brutto.
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!