Erani juarni

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Erani juarni
 
Erani juarni tristi e ccupi,
i festi, nemmeni i ccanuscìamu
cammisi arripezzèati, quazuni chjin’e grupi,
ccu lla notti, a ffatighèari, jìamu.
 
Chi ccu nna mantra a ppàsciari,
chi ccu nna zappa, a botèari stantu,
i pìcciudi aiutèati a ccriscìari,
e tèata, ccu d’amuru, propiu tantu.
 
A guerra e du quaranta,
avìa pportèatu morti e ppezzentìa,
a fèama tanni era ttanta,
alla cheasicella duv’e mmia.
 
Nu pèanu e nnu stùazzu e dardu ammuccèati,
intr’u paglièaru, sutta sutta a paglia,
ppecchì passàvani i surdèati
e mmèravani ugne gaglia.
 
A sira, ni ricoglìamu tutti,
a cchilla pittirilla cheasicella,
assiboglia ca ci stàvamu ‘ncutti,
era rrijunta chilla famiglia bella.
 
Nu tròccanu e ditiarnu allu fuacu,
e nnua, tutti lla arrotèati
ppe nnua era llu stessi e nu jùacu,
a ssèntari chilli fatti cuntèati.
 
E tèata e dde tèatu,
nu jùarnu cupu, si sentìani i botti,
quanni è jjutu surdèatu
e d’è ppartutu ppe lla guerra e du diciotti.
 
Erani jùarni dannèati,
e ssu ‘mpressi ppe ssempri intra ssa menti,
tant’anni mo, suni passèati,
su ccangèati d’usanzi e lli genti.
 
E mmo, a famiglia u nn’è cchiù cumi na vota,
i valori e da vita, un ci su cchiù
u munnu, ha ffattu na sbota,
e d’è ccangèata tutta a gioventù.
 
Mo c’e llu divertimenti, ccu llu buanustèari,
u sordu intr’a sacca, e ttuttu chilli chi unu vò,
poca è lla fatiga e poca, a voglia e fatighèari,
jùarni cupi èrani chilli, juarni cupi chiss’e mò.
Erano giorni
 
Erano giorni tristi e bui,
le domeniche non le conoscevamo,
camicie rattoppate, calzoni pieni di buchi,
col buio, andavamo a lavorare.
 
Chi con una mandria a pascolare,
chi con una zappa al terreno stantio,
i piccoli aiutati a crescere,
da mamma con amore, proprio tanto.
 
La guerra del quaranta,
aveva portato morte e povertà,
la fame allora era tanta,
in quella casetta da me.
 
Un pane e un pezzo di lardo nascosti,
nel pagliaio, in fondo alla paglia,
perché passavano i soldati,
e rovistavano a ogni parte.
 
La sera, rincasavamo tutti,
in quella piccola casetta,
non importava che ci stavamo stretti,
era riunita quella famiglia bella.
 
Un ceppo di alaterno al fuoco,
e noi, tutti li attorno,
per noi era come un gioco,
sentire quei fatterelli raccontati.
 
Di mamma e di papà,
un giorno terso, si udivano le bombe,
quando andò a fare il militare,
e partì per la guerra del diciotto.
 
Erano giorni dannati,
e sono impressi per sempre in questa mente,
tanti anni ora sono passati,
sono cambiate le usanze e la gente.
 
E adesso la famiglia, non è più come allora
i valori della vita, non ci sono più,
l’universo ha subito una svolta,
ed è cambiata tutta la gioventù.
 
Adesso c’è il divertimento e il benestare
il soldo in tasca, e tutto ciò che uno vuole
poco è il lavoro, poca la voglia di lavorare,
giorni bui erano quelli, giorni bui sono questi.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!