fbpx

A petrha e llu sazìari

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A petrha e llu sazìari
 
Ha ddittu na vota u sazìari alla petrha,
“a vita mia è ddannèata e ttetrha”,
u dittu dici: quanni si ‘ncùdina, statti
e quanni si mmartìallu, vatti.
 
Mma u dittu ccu mmia u ffunziona,
ppecchì chissa è lla situaziona:
tu si ssempri chilla chi “vatti”,
iu mmeci signu sempri chillu chi “statti”.
 
Tu e tutti ccu lli mèani si ppijèata,
e dde tutti ccu lli mèani si alliscèata,
a mmia mmeci, cozzidijèati a ddiri basta;
a mmacinèari u sèadu ppe lla pasta.
 
A mmacinèari pipu e chillu bùanu,
ppe ci conzèari i dumincèani chjini,
tummi tummi tummi, ohji! cchi stùanu,
ppe grazia un s’allàrmani i vicini.
 
Alli Santi ci affidu li preghìari,
cumi mi piacissa a èssari “vatti”
ma iu signu nèatu saziari,
e cumi tutti i sazìari, signnu nèatu statti”.
La pietra e il mortaio
 
Ha detto un giorno il mortaio alla pietra,
“ la mia vita è dannata e tetra”,
il detto dice: quando sei incudine, stai
e quando sei martello batti.
 
Ma il detto con me non funziona,
perché questa è la situazione:
tu sei sempre quella che “batti”,
io invece sono sempre quello che “sta”.
 
Tu da tutti con le mani sei presa,
e da tutti con le mani sei lisciata,
a me invece, botte a dire basta;
a macinare il sale per la pasta.
 
A macinare pepe nero,
per condire le melanzane ripiene,
tum tum tum, oh! Che frastuono,
per poco non si allarmano i vicini.
 
Ai Santi gli affido le preghiere,
come mi piacerebbe essere “batti”,
ma io sono nato mortaio,
e come tutti i mortai, sono nato “stai”.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!