fbpx

A rìnnina

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A rìnnina
 
M’affàcciu na matina e da finestrha,
e m’accùargiu ch’è nna bella jurnèata
è jjuruta a mìannuda e lla jinostrha,
a niva alla muntagna s’è squaglièata.
 
Mi vèani d’ùacchji a nnu corniciunu,
a cchilla chèasa nova ‘mpacciu e mia
trha a canadetta e lla zinna e nu mattunu
viju nu tuppu chi sempri cchiù rrannu si facìa.
 
M’appìcciu na sigaretta e mi fazzu na fumèata
allu duntèanu, sìantu cumi nu gridu
dua tiri, guardu torna ed’è arrivèata,
è nna rìnnina chi sta ffacìanni u nidu.
 
Gira ‘ntùarnu, trhova, pija e pporta,
nu scorpiricchjiu e adivu, nu fidillu e paglia,
i mmischca ccu sputazza, stanni accorta,
c’u nidu venissa na vera meraviglia.
 
Mo chi ssa rìnnina è arrivèata
è bùanu signu e mminti d’allegrìa,
ca puru stanni è ffinita a vernèata,
e ‘ncigna llu caminu ppe lla via.
 
‘Ncigna  lla bella jurnèata,
d’àrburi s’ìnchjini e pàmpini e jjuri,
ssa rìnnina mo ha ffattu a cuvèata,
ppe ssi ricògliari a ttìampi futuri.
 
Mo iu, tutti i matini mi susu e mm’affacciu,
guardu ssa rìnnina che du nidu campìa,
na fella e pèanu allu fori cci càcciu,
ca fina stuvìarnu mi tena cumpagnìa.
La rondine
 
Mi affaccio un mattino dalla finestra,
e mi accorgo che è una bella giornata
è fiorito il mandorlo e la ginestra,
la neve in montagna si è sciolta.
 
Mi va lo sguardo a un cornicione,
di quella casa nuova di fronte a me,
tra la grondaia e l’angolo di un mattone
vedo un nido sempre più grande.
 
Mi accendo una sigaretta e faccio una fumata
da lontano, sento come un grido
due tiri, guardo nuovamente ed è arrivata
è una rondine che sta facendo il nido.
 
Gira attorno, trova, prende e porta,
un pezzetto di ulivo, un filo di paglia,
li mischia con saliva, stando accorta,
che il nido venga una vera meraviglia.
 
Ora che questa rondine è arrivata,
è buon segno e mette allegria,
perché anche quest’anno è finito l’inverno,
e iniziano le passeggiate per le vie.
 
Iniziano le belle giornate,
gli alberi si riempiono di foglie e fiori,
questa rondine ora ha fatto la covata,
per ritornare gli anni futuri.
 
Ora io tutte le mattine, mi alzo e mi affaccio,
guardo questa rondine che dal nido spia,
una fetta di pane fuori dalla finestra gli do,
e finchè arriva l’inverno mi tiene compagnia.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!