Ecco come intendo il ruolo del consigliere di opposizione

Bata - Via Roma - Acri

Rispetto agli avvenimenti successi negli scorsi giorni, mi preme prendere una posizione personale per garantire a tutti i cittadini ed ai miei elettori quella giusta trasparenza che ha connotato da sempre il mio agire politico.
Il mandato elettorale ricevuto dagli elettori, quindi, mi ha posto all’opposizione ed in questo ruolo continuerò sino alla fine della consiliatura.
Certo, come ho costantemente dimostrato nel tempo, e ciò in piena aderenza all’azione politica che il Partito a cui appartengo, Fratelli d’Italia, delinea con il suo Circolo Territoriale, ho inteso il modo di esercitare il ruolo di opposizione in modo critico e costruttivo.
Se, in definitiva, non ho sottoscritto i comunicati da parte dei colleghi di opposizione sulle ultime vicende, non è per mancanza di attenzione nei confronti di problemi che affronto, invece, personalmente e quotidianamente, con massimo impegno nel mio ruolo istituzionale di Consigliere Comunale e Provinciale, ma perché, valutazioni politiche considerate unitamente al Gruppo di FdI Acri, hanno portato in questa direzione.
Infondate, quindi, sono le illazioni che vogliono un’opposizione divisa, in quanto non credo che diverse e legittime valutazioni politiche possano portare a rompere l’azione comune che gli elettori ci hanno affidato alle ultime consultazioni amministrative.
Anche sulla richiesta di convocazione del Consiglio Comunale da parte dei colleghi della minoranza sull’annosa questione dell’emergenza idrica, credo si sia generato un’inconsapevole equivoco di fondo. Infatti, quando mi è stato richiesto, da parte dei colleghi di minoranza, di sottoscrivere tale richiesta, ho da subito offerto la mia piena disponibilità, ritenendo che ciò fosse giusto e corretto nei confronti dei cittadini che, è bene ricordare, sono le vere vittime del grave disservizio.
Purtroppo, come suddetto, un equivoco di fondo ha portato alla non sottoscrizione della richiesta, cui ovviamente e pubblicamente mi associo, invitando il Presidente del Consiglio Comunale a convocare la massima assise nel rispetto delle prerogative democratiche delle opposizioni.
D’altronde, è indubitabile e nessuno potrebbe mai metterlo in discussione, che il Consiglio Comunale rappresenta, per sua natura, il fondamentale luogo democratico in cui le questioni riguardanti la vita della Città vengono affrontate con trasparenza ed in contradditorio.
Nel merito del problema idrico, come già precisato nel comunicato di Fratelli d’Italia Acri, abbiamo richiesto un incontro con il Sindaco e con gli uffici preposti, per avere le delucidazioni necessarie a fornire le dovute risposte ai cittadini. E’ giusto che gli stessi vengano informati sul problema ed è fondamentale che le risposte siano veritiere e verificabili.
E’ vero che le responsabilità non sono solo di questa amministrazione, perché è un problema che esiste da anni, ma è comunque indiscutibile che ci sia stata una mancanza sul controllo della qualità delle acque e sull’adozione degli interventi che avrebbero potuto limitare i disagi nel tempo.
Tuttavia, insieme al partito di Fratelli d’Italia Acri, abbiamo accolto favorevolmente le deliberazioni relative alla partecipazione del Comune al Contratto Istituzionale di Sviluppo “Acqua bene Comune”, del Ministero per il Sud e la Coesione Sociale, che riguarda tre progetti importanti.
In attesa delle diverse valutazioni previste per arrivare alla sottoscrizione del CIS, dico che in questa direzione è indispensabile una costante attività amministrativa di programmazione.
Io credo che se tutti noi non ci soffermassimo solo sulle cose negative e sui problemi, che comunque vanno affrontati, ma evidenziassimo il positivo che è presente ad Acri, come i tanti giovani volenterosi, come le tante eccellenti attività e le nostre peculiarità paesaggistiche, culturali, religiose, enogastronomiche e non solo, rimboccandoci le maniche senza autocommiserarci, forse avremmo una considerazione migliore sia da noi stessi che dagl’altri.

Colgo l’occasione per informare i cittadini che come Consigliere Provinciale, unitamente con gli uffici provinciali e la Presidente Rosaria Succurro, stiamo lavorando per garantire non solo l’ordinaria manutenzione delle strade provinciali, infatti abbiamo messo in programma altri interventi, abbiamo Ripreso delle procedure progettuali abbandonate, come la Realizzazione dell’Impianto Sportivo Polifunzionale all’aperto in località Serralonga. Di recente abbiamo lavorato, oggi in via definitiva il progetto, al finanziamento che riguarda la nuova costruzione della palestra nell’IPSIA di Acri.
Altri progetti sono in programma e di questo ne informerò la cittadinanza.

Salvatore Palumbo Consigliere Comunale di FDI

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!