Ciùcciu e ccampanìallu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ciùcciu e ccampanìallu
 
Nu jùarnu zu’ Ntoniu finalmenti avìa ddecisu,
e si vìnnari u ciùcciu, alla fera e du pajisu
era bìacchju e u nni vodìa ssapiri e ccaminèari
e zu’ Ntoniu ppe cchissi s’u vodìa ccangèari.
 
Ssu ciùcciu allu cùallu, avìa nu campanìallu,
e oru, e cchillu cùallu, u facìa pariri bìallu
quanni caminèava facìa nna musichicchja
alla sèntari era cosa bella ppe lla ricchja.
 
A matina si minta ‘ncavallu e su jjuti alla fera,
trhi jjùarni e caminu, ppe binnari ssa gadera,
mùartu e fèama illu, stanchèatu puru u ciùcciu arrivèati, si su ccurchèati intrha nu ristùcciu.
 
A matina ll’ha ccaccèatu chillu campanìallu,
e ssu ciùcciu, su pìa unu ccu nnu mantìallu
fa a ttìampu a stipèari i sordi intrh’u ripùartu
c’ù ciùcciu s’è stennicchjèatu nterra, mùartu.
 
Cchi ccazzèata! ca i sordi c’a bbutu e votèari,
e mmo? Trhi jjùarni cumi fazzu a ccaminèari?
Cumi fazzu a pijèari a postadetta senza sordi?
E llu ciùcciu avìa ssudu u mmastu e lli cordi.
 
Penza e rripenza, e nnu penzìari ll’è bbenutu,
avìa llu campanìallu, e mmo vodìa bbinnùtu,
giustu i sordi e du postèadu, cci ha ppijèatu,
e alla chèasa trhisti e scunzudèatu è arrivèatu.
 
A mugliera aspettèava allu scadunu e da porta,
illu, tuttu affrantu, cci ha ccuntèatu a sciorta,
“Oji mugliè! U destinu o è bruttu o è bbìallu,
u mia è bruttu, è persu ciùcciu e campanìallu
Asino e campanaccio
 
Un giorno zio Antonio aveva deciso,
di vendersi l’asino alla fiera del paese
era vecchio e non voleva più camminare
e zio Antonio per questo lo voleva barattare.
 
Quest’asino al collo aveva un campanaccio,
era d’oro e il collo lo faceva sembrare bello
quando camminava faceva una musichetta
e ascoltarla, era cosa bella per l’orecchio.
 
All’alba salì in groppa e andarono alla fiera,
tre giorni di cammino, per vendere l’asino
affamato e stanco lui, stanco anche l’asino
arrivati si sono coricati in un campo di stoppia
 
Il mattino dopo, gli tolse il campanaccio,
e l’asino lo comprò un tizio con un mantello
non appena conservò i soldi nel portafogli
l’asino si accasciò per terra, morto.
 
Che sfortuna! I soldi ha dovuto ridargli,
“e ora? Tre giorni come faccio a camminare?
Come faccio a prendere l’autobus senza soldi?
L’asino aveva solo il basto e le corde.
 
Pensando, gli venne un pensiero nella mente,
aveva il campanaccio e ora lo doveva vendere
giusto i soldi dell’autobus guadagnò,
e a casa triste e sconsolato, arrivò.
 
La moglie aspettava sull’uscio di casa,
lui, tutto affranto, gli raccontò la sorte
“moglie! Il destino o è brutto o è bello,
il mio è brutto e ho perso asino e campanaccio
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!