Lettera aperta in onore e in memoria di Giacomo Matteotti

Bata - Via Roma - Acri

Chi era costui? Un Uomo “eroico” nella sua normalità, ma intransigente, coraggioso, irriducibile, denunciò gli abusi e le violenze con cui il regime fascista mussoliniano aveva vinto le elezioni politiche del 6 Aprile 1924, tenutesi con la famigerata Legge Acerbo. Il suo ultimo intervento il deputato socialista lo tenne il 30 Maggio del ’24 alla Camera e  dopo confidò ai compagni di partito “…..  …. io il discorso l’ho fatto, ora voi preparate la mia orazione funebre….”

Dopo pochi giorni, il 10 Giugno, Matteotti fu rapito a Roma da una squadraccia fascista, seviziato, mutilato e ucciso. Il suo corpo ritrovato il 16 Agosto 1924 nelle campagne romane.

La morte di Giacomo Matteotti segna una svolta profonda nella storia d’Italia del Novecento; nasce quindi il fascismo come regime integralmente totalitario. Il discorso di Mussolini del 3 Gennaio 1925 sanciva la sua assunzione completa della responsabilità politica e morale dell’ assassinio Matteotti. Egli è stato un promotore di giustizia , libertà e democrazia, partito dal basso del suo Polesine povero e vessato , era stato Sindaco e consigliere provinciale; aveva organizzato e protetto i contadini della sua terra , sfruttati e affamati. Il Suo pensiero e la statura morale e politica ne hanno fatto una personalità di primissimo livello , disegnandone una figura oltre ad ogni sterile celebrazione del martire. La Repubblica nata il 2 Giugno del 1946 deve tanta riconoscenza a Giacomo Matteotti il quale anche da morto ha contribuito alla sua nascita. 

Tuttavia nello scorso secolo a prescindere dalla menzione nella toponomastica italiana, di Matteotti se n’è parlato veramente poco. Una amnesia collettiva è stata definita anche da Federico Fornaro, saggista. In occasione del centenario della sua morte doveroso è stato l’omaggio reso al socialista scomparso dalla Camera dei Deputati. L

Lo scranno n 14, dell’ultima fila a sinistra dell’emiciclo di Montecitorio, è stato deciso che sarà da adesso sempre vuoto, con la targhetta dedicata a suo nome. Pochi giorni fa ho inoltrato una missiva al Presidente della Repubblica nella quale lo invitavo a conferire a Matteotti una onoreficienza post mortem. Tale invito con la presente lo estendo a tutte le istituzioni democratiche e repubblicane, Regioni, Province , Città Metropolitane e in ultimo ma primo per importanza, ai Sindaci d’Italia, quali rappresentanti delle assemblee elettive; a tali ultimi organi rivolgo formale invito di conferire la cittadinanza onoraria post mortem a Giacomo Matteotti, per le implicite e oggettive ragioni e motivazioni dedotte ,ovvero ogni altra idonea e utile iniziativa, per rendere gli onori e un giusto tributo a chi ha dato la vita per affermare principi di libertà eguaglianza giustizia e democrazia .

La Memoria è un Nostro dovere preservarla contro l’ oblio del tempo, soprattutto per le future generazioni

Walter Manes (avvocato, docente di materie giuridiche ed economiche)

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!