U pòvaru e llu riccu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U pòvaru e llu riccu
 
Supa ssa terra un simu tutti guèadi,
ci sù azioni fatti boni e, azioni fatti mèadi,
c’è ll’àvutu e llu vàsciu,
c’è ll’avuchèatu e c’è llu mastrhudàsciu,
c’è llu bruttu e c’è llu bìallu,
c’è llu chèanu e c’è ll’acìallu,
c’è llu chièaru e c’è llu scuru,
c’è llu mùallu e c’è llu duru.
 
C’è llu Conti e llu Marchisu,
c’è llu tadièanu e ll’arbanisu,
c’è ll’onestà e c’è llu “diccu”
ma suprattuttu, c’è llu pòvaru e llu riccu…
 
…ppe llu riccu è ffesta tuttu d’annu;
ppe llu pòvaru a Natèadu e a Cheapudannu;
u riccu màngia cavièadu allu ristoranti;
u pòvaru minestrha e lla carna ugne ttanti.
 
U riccu fuma llu sicarru chèaru paghèatu;
u pòvaru, tabaccu e quattru sordi arroccidèatu;
u riccu si vesti ccu àbiti eleganti;
u pòvaru, cammisa e cquazunu sutt’u manti;
u riccu ugne ppocu fa ccummiti,
e ssi càccia tutti li chiuriti;
u pòvaru ugne ttanti nu spizzicarìallu,
ccu vinu e cantina e ccarna e gammìallu.
 
U riccu tena lla chèasa ccu ttutti i commidità;
u pòvaru dua càmmari chjini e umidità;
alli muri e du riccu ci su quèatrhi appichèati;
i muri e du pòvaru su bbacanti e affumichèati;
u riccu trhova aperti i porti e lli portuni;
u pòvaru i ttrova chiùsi guardèati e di cursuni
u riccu ccu lla scoda, fa llu notèaru;
u pòvaru senza, fa llu pecurèaru.
 
U riccu u sacrificiu u llu canusci,
ca tena llu buanistèari appena nasci,
u dittu dici, ch’è nnèatu ccu lla cammisa;
u pòvaru, già e pittirillu è dde portèari a spisa
u riccu tena lli sordi e ttena tuttu,
ma cuntentizza forsi u nni tena ttanta;
u pòvaru, alla chèasa ci sta ‘ncuttu,
ma tena llu suduru a cchilla frunta…
 
…e ffina chi fatiganni, u jetta a cchilli stanti,
ccu ccuntentizza a famiglia porta avanti.
Il povero e il ricco
 
Su questa Terra non siamo tutti uguali,
ci sono azioni belle e azioni brutte,
c’è l’alto e c’è il basso,
c’è l’avvocato e c’è il falegname,
c’è il brutto e c’è il bello,
c’è il cane e c’è l’uccello,
c’è il chiaro e c’è lo scuro,
c’è il morbido e c’è il duro.
 
C’è il Conte e il Marchese,
c’è l’italiano e l’albanese,
c’è l’onestà e l’illecito,
ma soprattutto, c’è il povero e il ricco …
 
… per il ricco è festa tutto l’anno;
 per il povero, a Natale e a Capodanno;
il ricco mangia caviale al ristorante;
il povero minestra, e la carne ogni tanto.
 
Il ricco fuma il sigaro caro pagato;
il povero, tabacco di scarsa qualità, arrotolato;
il ricco si veste con abiti eleganti;
il povero, camicia e calzoni sotto il mantello;
il ricco spesso fa convivi,
e si toglie tutti gli sfizi;
il povero ogni tanto una merenda,
con vino di cantina e carne di maiale.
 
Il ricco tiene la casa con tutti gli agi;
il povero due camere piene di umidità;
alle mura del ricco ci sono quadri appesi;
le mura del povero sono vuote e annerite;
il ricco trova aperte porte e portoni;
il povero le trova chiuse, difese dai serpenti,
il ricco con lo studio, fa il notaio;
il povero senza, fa il pastore.
 
Il ricco il sacrificio non lo conosce,
ha il benessere fin da piccolo,
il detto dice che è nato con la camicia;
il povero fin da piccolo, deve portare il pane,
il ricco tiene i soldi e tiene tutto,
ma felicità forse non ne ha abbastanza;
il povero, in casa ci sta stretto,
ma tiene il sudore alla fronte …
 
… e finchè lavorando lo butta in quelle terre,
con allegria la famiglia porta avanti.      
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!