Signu calabrisi e mmi nni vantu/Sono calabrese e me ne vanto

Bata - Via Roma - Acri

Signu calabrisi e mmi nni vantu


Signu nèatu a nna Terra ricca e bella,


chjina e jumi, e muntagni e dde castella,


mi pieaci lla musica e llu cantu


signu calabrisi e mmi nni vantu.


Ssa Terra è cchjina e genti ccu lla scoda,


chi sèani cum’è nnèata na paroda,


mi pieaci llu scrittu e Duonnu Pantu*,


signu calabrisi e mmi nni vantu.


Passu u tìampu jettanni sudura,


fazzu n’ùartu ccu ccìantu sapura,


si signu tristi, m’affidu a ‘ncunu Santu,


signu calabrisi e mmi nni vantu.


Quanni trùavu tùastu u mmi spagnu,


a forza e di vrazza u lla sparagnu,


acchiappu ccu llu picu a cchillu stantu,


signu calabrisi e mmi nni vantu.


U vùaschcu u canusciu cum’i dupi,


puru quanni i jùarni suni cupi,


camignu ìntr’a niva, arrocchèatu allu mantu,


signu calabrisi e mmi nni vantu.


E di trempi stèaiu sempri sbrignu,


accùartu accùartu, allu minimu signu,


e di perrupi camignu e rant’e rantu,


signu calabrisu e mmi nni vantu.


A genti mi rispetta e mmi vo beni,


ppe cquantu sangu tìagnu intra ssi veni,


dugnu cunfùartu a cchini viju affrantu


signu calabrisi e mmi nni vantu.


U calabrisi è spèasu a ttuttu u munnu,


ci nn’è unu ugne ppajisi, tunnu tunnu,


ll’ha bodutu Diu, a ttantu tantu,


ppecchì u calabrisi e ssu munnu è nnu vantu.

Sono calabrese e me ne vanto


Sono nato in una Terra ricca e bella,


piena di fiumi, montagne e castelli,


mi piace la musica e il canto


sono calabrese e me ne vanto.


Questa Terra è piena di gente colta,


che sanno come è nata una parola,


mi piace la poesia di Domenico Piro,


sono calabrese e me ne vanto.


Passo il tempo buttando sudore,


faccio l’orto con cento sapori,


se sono triste, mi affido a qualche Santo,


sono calabrese e me ne vanto.


Quando trovo duro non demordo,


la forza delle braccia non risparmio,


inizio col piccone a quel duro terreno,


sono calabrese e me ne vanto.


Il bosco lo conosco come i lupi,


anche quando i giorni sono cupi,


cammino nella neve avvolto al mantello,


sono calabrese e me ne vanto.


Dai dirupi, sto sempre accorto,


attento al minimo rumore,


dai burroni, sto alla larga,


sono calabrese e me ne vanto.


La gente mi rispetta e mi vuol bene,


per quanto sangue ho nelle vene,


do conforto a chi vedo affranto,


sono calabrese e me ne vanto.


Il calabrese è sparso in tutto il mondo,


c’è n’è uno ogni Paese intorno al mondo,


l’ha voluto Dio da tanto tempo,


 il calabrese, di questo mondo è un vanto

Angelo Canino

Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

2 Risposte

  1. Franca Azzarelli ha detto:

    Conosco la poesia di Angelo Canino, conoscevo già i versi riportati ieri su acrinews. Questi ultimi meritano una particolare lode perché con orgoglio esaltano la figura del calabrese. E quando il vernacoliere Canino, dopo una lucida analisi del suo conterraneo, esplode esaltando il calabrese nel mondo, ho sentito forte anch’io quel senso di orgoglio. Come se quel riconoscimento, frutto di una inaspettata forma di liberazione, lo avessi espresso io. Mi complimento con il poeta Angelo Canino, ma lui già conosce il mio pensiero sul suo animo poetico.

    • Angelo Canino ha detto:

      Grazie infinite Professoressa Azzarelli…la sua lode mi commuove e mi fa sentire orgoglioso di ciò che faccio…amo il dialetto e nel mio piccolo cerco di preservarlo dalla scomparsa trascrivendolo in versi…amo le mie radici e ad esse ho dedicato tante poesie che man man declamerò…sono felice che vengono apprezzate in quasi tutte le regioni d’Italia e questo mi da l’energia per proseguire su questa strada…grazie ancora e mi saluti il dottore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!