fbpx

Quattru mura vacanti

Quattru mura vacanti, surchijèati,
cumi a pella ammuscèata e chilli viacchji,
chi llà fin’a mmò cci su ccampèati;
ammiri ‘ntùarnu e tt’ìnchji d’ùacchji.
 
Sup’i barcuna, ci su ancora i rasti,
attacchèati ccu nna funa ppe lli digna,
i guardi e tt’accùargi ca su ttristi,
ca i juri ho ffattu postu a lla gramigna.
 
U quèatru e da Madonna e du capizzu,
è chjichèatu a nna menzina ch’è stanchèatu
quanti Avemmariji cci dicìa nannuzzu!!
Fina all’ùrtimu jùarnu ch’è ccampèatu.
 
U cumò è puppèatu e schchetrichìa,
allu specchiu i figurelli fatti gialli,
cci su ppuru ritratti e di nonni mia,
chi cuvernàvani pìacuri e ccavalli.
 
Alli trèavi c’è cchjinu e papparoni,
e ancora c’è llu cannizzu mìanzu ruttu,
cci nni su stèati tanti, cosi boni,
i pèani, u chèasu e llu prisuttu.
 
Ntèrra, a nn’angudicchjiu e focudèaru,
c’è nna taglioda ppe lli sùrici,
tanni cci nn’èrani pèaru pèaru
e lli facìani cumpagnia i pùdici.
 
Mo su quattru mura vacanti,
ma si ll’orduri su mpregnèati
e profumi e musica e dde canti,
e chini tant’anni c’ho ppassèati.
Quattro mura vuoti, lesionati,
come la pelle appassita di quei vecchi,
che li fin’ora hanno vissuto;
guardi attorno e ti riempi gli occhi.

Sui balconi ci sono ancora i vasi,
legati con una fune per la legna,
li guardi e t’accorgi che sono tristi,
i fiori han fatto posto alla gramigna.

Il quadro della Madonna al capezzale,
è piegato su un fianco perché è stanco,
quante Ave Maria vi diceva nonno !!
fino all’ultimo giorno che è vissuto.

Il comò è tarlato e traballa,
allo specchio i santini ingialliti,
ci sono pure ritratti dei miei nonni,
che cibavano le pecore e i cavalli.

Alle travi c’è pieno di ragnatele,
e ancora c’è il canneto un pò rotto,
c’è ne sono state tante, cose buone,
i pani, il cacio e il prosciutto.

Per terra a un angolo di caminetto,
c’è una trappola per i topi,
a quei tempi c’è n’erano tanti,
e gli facevano compagnia le pulci.

Ora sono quattro mura vuoti,
ma se li odori sono impregnati
di profumi, di musica e di canti,
di chi tanti anni vi ha vissuto.
Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!