U castìallu e Padìa

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino

U castìallu e Padìa

Tu e lla ssupa tuttu vidi è ssìanti,

ni jùdichi e sta cittu, sa i Santi e lli Bijeati

ti gust’i cuntentizzi e lli damìanti

sa a madignitudina e lli pecchèati.

Tanti guerri t’arricùardi,

sangu, gridèati e cchianti

genti fetenti e genti dùardi

surdèati ccu briganti.

Tant’anni su ppassèati e ancora sùani,

e lli tua sperri nn’ho ffattu camini

u nci ho ppotutu ne llampi e nne ttrùani

a spezzèari li tua catini.

Si ssempri lla ferma e nnu nti mùavi,

ma ‘ntùarn’a ttia è ssempri nu cangèari

e cimi e dde juri ugne mumentu nùavi

ppe tt’abbelliri e ppe tt’adornèari.

Vijèatu a ttia!

castìallu e Padìa!

c’ancora nne passèari tanti guèai

mma u mmùari mèaiu.

La torre di Padia

Tu da la sopra tutto vedi e senti/ ci giudichi e stai zitto, conosci i Santi e i beati/ ti gusti la felicità e le lamentele/ conosci la malignità e i peccati/ tante guerre ti ricordi/ sangue, grida e pianto/ gente fetente e gente sporca/ soldati con briganti/ tanti anni sono passati e ancora suoni/ e le tue lancette ne hanno fatto cammino/ non ci sono riusciti ne lampi e ne tuoni/ a spezzare le tue catene/ sei sempre la ferma e non ti muovi/ ma intorno a te è sempre un cambiamento/ di rami e di fiori ogni momento nuovi/ per abellirti e per adornarti/ beata te!/ torre di padìa/ che ancora ne devi passare tanti di guai/ ma non muori mai.

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!