fbpx

Na jurnèata e vìarnu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Na jurnèata e vìarnu
 
alli setti sign’azèatu
mmenz’a via sign’affaccèatu
cchi ffriddu! mamma mia!
 
pullidìa…
 
trèas’intra allumu u fùacu
a ssi càmmari mo ci mpùacu
guardu torna mmenz’a via
 
granninìa….
 
stanni u vìarnu è propiu tintu
quanti digna, a ssu fùacu chi ci mintu
pur’oji intra mi tocca a stèari
 
a nna rèasa e focudèari…
 
ormèai è ffattu scuru
m’affacciu, nivica a fasciaturu
stasira è dde passèari e ncuna manera
acchiappu a pastellera
 
i castagni…
 
na girèata, torn’e gira, gira torna
e ddassa c’ù tìampu si rumpa lli corna!!!
Una giornata d’inverno
 
alle sette mi sono alzato
fuori mi sono affacciato
che freddo! mamma mia!
 
nevischia…
 
rientro, accendo il camino
così si riscaldano le stanze
guardo di nuovo fuori
 
fa una grandinata…
 
quest’anno l’inverno è proprio brutto
quanta legna si sta consumando!
anche oggi mi tocca stare dentro
 
in un angolo di camino…
 
ormai è buio, mi affaccio di nuovo
nevica copiosamente
stasera deve passare in qualche maniera
prendo la padella per le caldarroste
 
le castagne…
 
una girata, un’altra e un’altra ancora
e il tempo faccia quello che vuole.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!