fbpx

Nannuzzu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A nn’anta e porta,
nannuzzu sta assettèatu,
arròccida tabaccu e ffa nna sigaretta,
sècuta lla gatta ccu nnu fidu e jèatu,
ccu nna spina russa* fa nnu maruggiu e ccetta

Tenalli cùasti stanchi e cchjini e doduri,
tena lli mèani arrappèati e di tant’anni,
ha ppersu u paspu, d’orduri e lli sapuri,
ccu lla vista cci vida acquanni acquanni.

Ccu lli mèani ugnettanti a cùappida s’aggiusta
alla vucca a sigaretta, u mustàzzu fattu giallu
a ffèari ssu maruggiu, chisà quanti lli custa!
ma u lli nni ‘mporta, ormèai c’a ffattu u callu.

Ha zzappèatu na vita vigni e scippi,
ha ttaglièatu vùaschchi e schcantramèani,
alli ‘mpaglièati ccu ssùvaru ha ffattu ntippi,
allu furnu, ha ‘mpurnèatu pitti e ppèani.

S’azèava ccu lla notti, vìarni e astèati,
quazunu,  scarpi e giacca, e du stessi jùarnu,
na mposta e dardu e nna cipulla mmudichèati,
fin’a ssira, fina c’u scurèava ‘ntùarnu.

S’u guardi intra d’ùacchji u vidi penzerusu,
chisà cchi sta ppenzanni ssa menti vecchia!
su tanti, a ccentinèara i fatti chi c’ha ‘nchjusu,
è cumi nu dibru, chi ll’apri e ssi cci specchia.

Cum’è bìallu a stèari lla a llu guardèari,
pìa llu maruggiu e llu minta alla ccetta,
u guarda e llu gira, ppe llu squatrèari,
si sgrànga lli pìadi e ssi torna e assetta.

E d’iu, pu ll’accarizzu, lli dugnu nu vasunu,
e d’illu, fa nna risa e ss’abbenta n’acinella,
n’èatra vuccunèata a cchillu muzzicunu,
d’amuru e ssu niputu, lli fa lla vita bella.
Sull’uscio della porta,
mio nonno sta seduto,
arrotola tabacco e fa una sigaretta,
allontana il gatto con un filo di voce,
con un legno duro fa un manico di accetta.

Ha le costole stanche e piene di dolori,
ha le mani piene di rughe dai tanti anni,
ha perso il tatto, gli odori e i sapori,
con la vista ci vede a malapena.

Con le mani a volte il cappello si aggiusta
in bocca la sigaretta, il baffo fatto giallo,
fare questo manico, chissà quanto gli costa!
ma non gli importa, oramai vi è abituato.

Ha zappato una vita vigne e duri terreni,
ha tagliato boschi di eriche,
ai fiaschi, col sughero ha fatto i tappi,
al forno, ha infornato ciambelle e pani.

Si alzava col buio, d’inverno e d’estate,
calzoni scarpe e giacca, di tutti i giorni,
un pezzo di lardo e una cipolla avvolti,
fino a sera, finchè arrivava il tramonto.

Se lo guardi negli occhi, lo vedi pensieroso,
chissà cosa pensa questa mente vecchia!
sono tanti, a centinaia i fatti dentro racchiusi,
è come un libro, che lo apri e ci si specchia.

Come è bello stare li ad ammirarlo,
prende il manico e lo infila nell’accetta,
lo guarda e lo gira per squadrarlo,
si sgranchisce le gambe e si risiede.

E io, poi l’accarezzo, gli do un bacio,
e lui, mi fa un sorriso e si riposa un attimo,
un’altra tirata a quel mozzicone,
l’amore di questo nipote gli fa la vita bella.
Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!