fbpx

U ciucciu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
U ciucciu
 
Ràglia nnu ciucciu all’irtu e na muntagna,
arranca ppe cchilla via irtusa e spèara
tena lla sarma carrichèata e tanti digna
ppe quadijèari quanni a vernèata è amèara.
 
Pòvaru ciucciarìallu quanti nn’e passèari,
supa ssa tinta terra si nnèatu spurtunèatu
nullu si dispijèaci quanni ti senta raglièari
si crìdini ca ragli ppecchì si nnamurèatu.
 
Mmeci u ràgliu tua è rràgliu de doduru,
nun’appena fa jùarnu u mmastu è sup’i spalli
e ttu càccia llu patrunu sudu quanni fa scuru
e ncigna llu doduru e chilli tanti calli.
 
Stamatina si d’èsciutu quanni ancora era notti,
tuttu u jùarnu, attacchèatu sutta chillu sudu
i muschi allu cudu arrìvani a frotti a frotti,
vodissi, ma u llu pu sciògliari chillu nudu.
 
E guardi scunzudèatu u vudu e chilli acìalli
dìbbari tuttu u jùarnu vùdani e cima a cima,
vodissi ca ssi jùarni fùssini jùarni bìalli,
e da cchilli brutti cci vodissi fèari na sima.
 
Ma tu si nnèatu spurtunèatu e meadipatutu,
a fatiga cchiù pisanta tocca sempri a ttia
s’unn’era ppe llu ràgliu, fussi nèatu puru mutu
e de arranchèari sempri ppe ll’irtu de ssa via.
 
A notti t’arriggèttani intra na vecchia turra,
curchèatu nterra, u friddu mporza e ssàglia
a chèapa trongudiji, a vèava e da vucca scurra,
ppe civu e da jurnèata, na balletta e paglia.
 
E tiri a ccampèari fina chi vìacchiu divìanti,
fina c’a cchill’irtu ti mpunti e nnu bu jiri,
t’àprini a vucca e tti guardani alli dìanti,
ti càcciani puru a pàglia e tti dàssani moriri.
 
 
 
L’asino
 
Raglia un asino salendo per una montagna,
arranca per quella via erta e impervia
tiene la soma caricata di tanta legna
per scaldare quando l’inverno è rigido.
 
Povero asinello quante ne devi passare,
su questa misera terra sei nato sfortunato
nessuno si dispiace quando sente il tuo raglio
credono che ragli perché sei innamorato.
 
Invece il tuo raglio è raglio di dolore,
appena giorno e il basto è sulle spalle
te lo toglie il padrone solo quando fa buio
e inizia il dolore di quei tanti calli.
 
Stamattina sei uscito quando ancora era buio,
tutto il giorno, legato sotto il sole
le mosche al culo arrivano a centinaia,
vorresti, ma non puoi scioglierlo quel nodo.
 
E guardi sconsolato il volo di quegli uccelli,
liberi tutto il giorno volano da cima a cima,
vorresti che questi giorni fossero giorni belli,
e quelli brutti vorresti cancellarli.
 
Ma tu sei nato sfortunato e mal patito,
la fatica più dura tocca sempre a te
se non avessi il raglio saresti nato anche muto
e devi arrancare sempre all’erta di questa via.
 
La notte ti rinchiudono in un vecchio casolare
coricato per terra, il freddo si sente forte
 muovi la testa, la bava esce dalla bocca,
per pranzo del giorno una balla di paglia.
 
E tiri a campare finché vecchio diventi,
fino a quando sull’erta ti impunti e non vai,
ti aprono la bocca e ti guardano i denti,
ti tolgono anche la paglia e ti lasciano morire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!