fbpx

Sudu stutèatu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Sudu stutèatu
 
Ormèai è stutèatu u sudu supa ssa Terra,
‘n’cìadu mo è sempri cummoglièatu
e pùrbara madaditta, e na sporca guerra
nu pìazzu e munnu è stèatu cancellèatu.
 
‘Ntìari pajisi nott’e jjùarni bombardèati,
cancellèati i beni e tanta pòvara genti
puru i speranzi su stèati ammazzèati
ho ppersu tuttu, u ttìagnini cchiù nnenti.
 
È nna petrha u cori e chilli surdèati,
ammàzzani a cchini scòntani ppe lla via
tanti su dijuni e allu scuru ammuccèati
scuru è puru u cìadu duvi u sudu sprennìa.
 
Mammi trhisti alli figli abbrazzèati,
ho ffinitu i dàcrimi chill’uacchji vacanti
chjàmani a morti, vìacchji e mmadèati
oramèai i cori sua su sudamenti affranti.
 
Scàppani i mammi ccu lli figli duntèanu,
rèstani i pèatrhi custrhetti a sparèari
alli mùllichi e du sua stessi pèanu;
a nna pazza menti èani e accuntentèari.
 
Munnu, e ssi tìampi si munnu madèatu,
e cosi brutti, si ddiventèatu ‘ncuttu
a curpa è lla nostrha chi t’èamu cangèatu
e iu prìagu a Diu ppe u ffiniri e du ntuttu.
 
Prìagu a Diu, chi torna pèaci dunassa,
ssa brutta guerra, facissa ‘mpessa ffiniri
ssu sudu stutèatu e nùavu s’appicciassa
e llu jardinu e d’amuru facissa rijuriri.
 
Sole spento
 
Ormai è spento il sole su questa Terra,
nel cielo adesso è sempre coperto
di polvere maledetta, di una sporca guerra
un pezzo di mondo è stato cancellato.
 
Interi paesi giorno e notte bombardati,
cancellati i beni di tanta povera gente
anche le speranze sono state ammazzate
hanno perso tutto, non hanno più niente.
 
È una pietra il cuore di quei soldati,
ammazzano chi incontrano per la via
in tanti sono digiuni e al buio nascosti
buio è anche il cielo dove il sole splendeva.
 
Mamme tristi ai figli abbracciati,
hanno finito le lacrime quegli occhi vuoti
chiamano la morte, vecchi e malati
ormai i loro cuori sono soltanto affranti.
 
Scappano le mamme con i figli lontano,
restano i padri costretti a sparare
alle briciole del loro stesso pane;
 una pazza mente debbono accontentare.
 
Mondo, di questi tempi sei mondo malato,
di cose brutte, sei diventato pieno
la colpa è nostra che ti abbiamo cambiato
e io prego Dio che non finisca del tutto.
 
Prego Dio, che di nuovo pace donasse,
questa brutta guerra faccia presto finire
questo sole spento di nuovo si accendesse
e il giardino dell’amore faccia rifiorire.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!