A cataratta

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A cataratta
 
Ssa vita u lla capisciu, è propriu matta,
cinquantasìanni e già na cataratta
“Dottorè! Mma simu sicuri”?
“certo! E va fatta sinò ti ‘ncùalli i muri.
 
All’analisi, menzu ditru e sangu m’ho ttirèatu,
“Dottorè! E ppe ‘ncunu Dracula assiddèatu”?
“assolutamenti! Èam’e fèari analisi certosini
c’u sangu tua è mmischchèatu ccu llu vinu!
 
Doppi na settimèana m’ho cchiamèatu,
“Signor Canino, u turnu tua è arrivèatu,
presèntati dumèanu matina a stomacu vacantu
“comincèamu ccu lli … è jestimèatu nu Santu
 
Già e du jùarnu prima avìa dde mangèari,
mo ci passa oji e ddumèanu, cum’eaiu e fèari?
Mi ci signu conzèatu, a nnu Santu è fattu vutu
è misu mmoti a màcana e ssignu jutu.
 
Erani l’ùnnici e mm’ho mmisu i primi gucci,
alli tria d’ùacchiu era cumi chillu e di ciucci
tantu e di gucci chi m’avìani misu;
m’ho mmisu supa a seggia e mm’ho scisu.
 
E fattu l’interventu e mm’ho ssagliutu,
ancora gucci! Mannèaia a cchillu curnutu!
“Dottorè! Mma puru nu paninu”!?
“No! Ca u ffèani effettu i medicini.
 
“Chi vo ppàtari na madanova cum’era ttinta!
S’a trovèava a nna perrupa ll’avìa spinta!
Mi signu vestutu e mmi nni signu jutu
“cum’arrivu alla chèasa mi càcciu ssu chiuritu
 
Acchìappu nu bellu fìascu e vinu!
Vena fìgliuma ccu lla medicina,
“oji pà, u mìadicu ha ddittu nu bicchiari sudu”
Allu mìadicu … n’èatru vafancudu!
 
Alla fina ppe mmi fèari a cataratta,
era arridduttu dìantu cumi na gatta
e s’unziammèai all’èatr’uacchiu ll’eai e fèari
tri jjuarni prima ‘ncignu a mm’abbuttèari
La cataratta
 
Questa vita non la capisco, è proprio matta,
cinquantasei anni e già una cataratta
“Dottoressa, ma siamo sicuri”?
“certo! E va fatta altrimenti vai contro i muri”
 
    Alle analisi, mezzo litro di sangue han tolto
“Dottoressa! È per qualche Dracula assetato”?
“assolutamente! Bisogna fare analisi certosine
perché il tuo sangue è miscelato con vino!
 
Dopo una settimana mi hanno chiamato,
“Signor Canino, il suo turno è arrivato,
presentati domattina a stomaco vuoto”
cominciamo bene… ho bestemmiato un Santo
 
già dal giorno prima non avevo mangiato,
non mangerò oggi, né domani, come si fa?
Mi sono rassegnato, a un Santo ho fatto voto,
ho preso l’auto e sono andato.
 
Alle undici mi hanno dato le prime gocce,
alle tre, l’occhio era come quello degli asini,
dalle tante gocce che vi avevano messo;
mi hanno messo su una sedia e sceso giù.
 
Ho fatto l’intervento e mi hanno portato su,
ancora gocce! Mannaggia l’anima del cornuto
“Dottoressa! Ma, almeno un panino”!?
“no! Altrimenti non fanno effetto le medicine.
 
Potesse patire un male, com’era severa!
Se la trovavo su un dirupo, l’avrei spinta giù!
Mi sono vestito e  me ne sono andato,
“appena arrivo a casa mi tolgo uno sfizio”
 
Afferro un bel fiasco di vino!
Viene mio figlio con la medicina,
“papà! Il dottore ha detto un bicchiere solo”
Al dottore … un altro vaffanculo!
 
Alla fine, per farmi una cataratta,
ero ridotto esile come una gatta,
e se mai sia, all’altro occhio la devo fare,
tre giorni prima inizio ad abbuffarmi!
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!