fbpx

A ciucciarella sperta

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A ciucciarella sperta
 
Na ciucciarella jia ppe lli viji,
ccu lla sarma càrrica e poesiji,
poesiji tristi e ppoesiji e amuri,
e prèati profumati e milli juri.
 
I genti a sadùtani a brazza aperti,
ca ssa ciucciarella è ffatta sperta,
è mparèata a ddèjari e da scrìvari,
e ccanusci lla fonta ppe cci vìvari.
 
Ssi dibra e da sarma un su nnu pisu,
ppe d’illa è cumi stèari m’paravisu,
è mparamìantu ugne ppàgina dejuta,
no cchiu ciuccia alla scod’è chiamèata.
 
Quanni u patrunu va ffa na mmascèata,
illa si minta a nnu friscu all’assettèata,
càccia nnu dibru e supa u mmastu,
e ppe d’illa è cumi u mìagliu pastu.
 
Nu dibru ti tena sempri cumpagnìa,
duvi va va portàllu sempri ccu ttia,
cum’a ciucciarella ccu lla sarma chjina,
chi s’abbenta, deja e ttorn’e ccamina.
L’asinella intelligente
 
Un’asinella andava per le vie,
con la soma carica di poesie,
poesie tristi e poesie d’amore,
di prati profumati di mille fiori.
 
La gente la saluta a braccia aperte,
quest’asinella è diventata intelligente,
ha imparato a leggere e a scrivere,
e conosce la fontana dove poter bere.
 
Questi libri della soma non sono un peso,
per lei è come essere in paradiso,
è insegnamento ogni pagina letta,
non più asina a scuola è chiamata.
 
Quando il padrone esce per commissioni,
lei si mette sotto un’ombra seduta,
toglie un libro da sopra il basto,
e per lei è come il miglior pasto.
 
Un libro ti tiene sempre compagnia,
qualsiasi parte vai portalo sempre con te
come l’asinella con la soma piena,
che si riposa, legge e di nuovo s’incammina.
Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Franca Azzarelli ha detto:

    Bella la sensibilità poetica vista come riscatto da qualsiasi condizione sociale. L’asino, in questo caso femmina, sinonimo di cocciutaggine e ignoranza, grazie alla poesia diventa “ciucciarella sperta” e riscatta ogni suo simile da una condizione pregressa e, anche secondo me, ingiusta e non assoluta.
    Condivido l’amore per la poesia, pur non avendo la capacità di poetare, ma riconosco la sua alta funzione, che invece riesco a cogliere tra i versi che leggo sempre con piacere. Complimenti al nostro vernacoliere!

  2. Angelo Canino ha detto:

    Grazie Professoressa…il vostro commento mi lusinga…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!