fbpx

Aspìattu ca t’affacci

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Aspìattu ca t’affacci
 
U sudu è già spuntèatu mmìanzu i nuvi,
e ttu bellizza mia dùarmi ancora,
d’acìalli su stanchèati e fèari i cuvi,
e mmùarti e friddu t’aspèttani cca ffora.
 
Supa ssu barcunìallu su spunuti,
e aspèttani quanni tu t’affacci,
i quatrèari alla scoda mo su jjuti,
ccu lli schcocchi alli friddudusi facci.
 
I juri senza e tia u ppùani stèari,
e ssu ttutti ccu lla cheapa appassudèata,
s’un ti vìdini u bùani cchiù sboccèari
s’un ti vìdini e ssu barcunu affaccèata.
 
Dassa stèari mo; risbìgliati e d’affaccia,
ca mmìanzu a d’illi, intra ssa cavarella,
cci signu pur’iu ppe bìdari a tua faccia,
chi tena lla nnuminèata e da cchiù bella.
 
Ppe bìdari i bellizzi e du tua visu,
e ss’apri ssu barcunu e ffori i ccacci,
pùazzu vìdari ppe ssempri u paravisu,
e ppuru ca fa ffriddu, aspìattu ca t’affacci.
Aspetto che ti affacci
 
Il sole è già spuntato tra le nuvole,
e tu bellezza mia dormi ancora,
gli uccelli sono stanchi di fare le covate,
e infreddoliti ti aspettano qua fuori.
 
Su questo balconcino son posati,
e aspettano quando tu ti affacci
i bimbi a scuola sono andati
con le guance rosse nei freddolosi visi.
 
I fiori senza di te non possono stare,
e sono tutti con la testa appassita,
se non ti vedono non vogliono più sbocciare
se non ti vedono da questo balcone affacciata.
 
Lascia stare ora: svegliati ed affacciati,
perché in mezzo a loro in questa viuzza,
ci sono anch’io per vedere il tuo viso,
che, a detta di tutti è il più bello.
 
Per vedere la bellezza del tuo viso,
e se apri il balcone e fuori lo togli,
posso vedere per sempre il paradiso,
e anche se fa freddo, aspetto che ti affacci.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!