fbpx

A jurnèata e du zappaturu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A jurnèata e du zappaturu
 
A jurnèata e du zappatutu,
ncigna lla sira e du jùarnu prima,
ca prima chi allu cìadi facissa scuru,
alla terra e zappèari va ffa nna sima.
 
Pia llu zappunu e cci fa nna squatrèata,
vida s’u marùggiu è bellu ncozzèatu,
si si mova cci fa nna ncugnèata,
na passèata e cuta allu tagliu arruzzèatu.
 
U minta intra nu surcu, appastinèatu,
u cummoglia dde terra e cci fa nna mpusa,
eccussì a matina u trova assodèatu,
e cchilla terra a richèama e lla cusa.
 
Cumi fa jùarnu si sputa lla mèana,
e apra ll’antu ccu lla prima zappuèata,
a terra zappèata, arrìati avanza chièana,
e cchilla e zappèari a vida ammanchèata.
 
Ugnettanti s’abbenta ssu pòvaru zappaturu,
si càccia llu muccaturu alla chèapa annudèatu
si fa n’asciuttèata a cchillu suduru,
na vìppita e acqua a nnu friscu mpaglièatu.
 
E ncigna ttorna ccu cchillu zappunu,
u jùarnu avanza, avanza puru u majisu,
mo è mmenzijùarnu e llu sudu è ddejunu,
dùadini i cùasti e chillu suduru spisu.
 
A nnu friscu e nu midu, apri lla pezza,
lli rìdini d’ùacchji ca a fèama è ccunchjuta,
n’arsuru e vinu, mma puru ch’è ffezza,
ccu sta stanchizza, è bona saduta.
 
Vuda llu tìampu e ssa ricca mangèata,
u zappunu intra d’antu è lla c’aspetta,
fina c’u mmruna, n’èatra zappèata,
n’èatra acciunchèata a cchilla ruvetta.
 
Esci dde d’antu e ssi vota a guardèari,
un si vida nu fidu e chill’erba chi c’èra,
chissu è llu fruttu e du tanti zappèari,
e cca fruttu dunassa, armeni cci spera.
 
Jurnèata tosta è lla jurnèata e du zappaturu,
ugne ssira u marùggiu è cchiù struttu,
spenna lli forzi, jetta ttantu suduru,
ccu lla speranza e cògliari u fruttu.
La giornata dello zappatore
 
La giornata dello zappatore,
inizia la sera del giorno prima,
perché prima che il cielo si oscuri,
va a tracciare il terreno da zappare.
 
Prende la zappa e gli dà un’occhiata,
guarda se il manico è assodato,
se si muove viene incuneato,
una passata di cote al taglio arrugginito.
 
Lo mette in un solco ad assodarsi,
lo copre di terra e lo bagna,
così il mattino dopo lo trova assodato,
e quel terreno lo ricama e lo cuce.
 
Non appena fa giorno si sputa la mano,
e apre il solco con la prima zapponata,
la terra zappata, dietro avanza piano,
quella da zappare, la vede diminuire.
 
Ogni tanto si riposa questo povero zappatore,
si toglie il fazzoletto dalla testa, annodato
si asciuga tutto quel sudore,
si fa una bevuta di acqua a un fresco fiasco.
 
E inizia di nuovo con quella zappa,
il giorno avanza, avanza pure il maggese,
adesso è mezzogiorno e c’è il solleone,
fa male il costato per quel sudore versato.
 
All’ombra di un melo, apre la colazione,
è contento, ora la fame è abbastanza,
una voglia di vino, anche se è vinaccio,
con questa stanchezza, è buona salute.
 
Vola il tempo di questa ricca mangiata,
la zappa nel solco, è là che aspetta,
finché non imbrunisce, un’altra zappata,
un’altra sterrata a quel roveto.
 
Esce dal solco e si gira a guardare,
non si vede un filo di quell’erba che c’era,
questo è il frutto del tanto zappare,
e che frutto donasse, almeno ci spera.
 
Giornata dura, è la giornata dello zappatore,
ogni sera il manico è più consumato,
spende le forze, butta tanto sudore,
con la speranza di raccogliere il frutto.
Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!