fbpx

Nu tizzunu ppe ccumpagnia

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Nu tizzunu ppe ccumpagnia
 
Signu suda a ssa rasella e ciminèja,
suda, ccu nnu tizzunu ppe ccumpagnìa,
vorra ssapiri chin’è chi si nni preja
chin’è chi gioisci ppe ssa cunnanna mia.
 
Marìtima si nn’è jjutu ‘mparavisu,
quann’era bivu mi facìa ccumpagnìa,
i figli si nn’i su jjuti a Trevisu,
e mm’ho ddassèatu a ssa rasella a mmia.
 
Cchiu ‘mprima mi scrivìani nu sadutu,
mi dicìani ca lla si stèava bùanu,
mo, puru u vìziu e scrìvari ho pperdutu,
ma nu mmi fa ppagura mancu u trùanu.
 
Ugnettanti allu fùacu attizzu ssu tizzunu,
dicu u risariu ccu ssi patrinuasti,
aspìattu anziusa chi mi vena ttrova ‘ncunu,
ppe mm’allevièari ssu doduru de ssi cùasti.
 
Tutti i mumenti pìanzu all’anni passèati,
qunn’era nna graziusa quatrarella,
a cchilla cheasicella ccu cincu frèati,
cchi bella famiglia, cchi ffamiglia bella.
 
Fatigàvamu tutti ppe portèari avanti a chèasa
chini zappèava, chini ccu nna mantra pascìa,
a sira l’allegria a cchilli facci era spèasa,
e ssi vivìa dde rre a cchilla chèasa mmia.
 
Ma u tìampu passa e ttuttu arrìadi dassa,
ti fa ranna e ffa famiglia ppe ccuntu tua,
crisci i figli ammentri c’u tìampu passa,
càngia, e d’illi fèani e cheapa sua.
 
U lli nni mporta ca signu suda a ssa rasella,
‘ncumpagnia sudu e nu tizzunu e dignu,
a llori ll’interessa sudu a vita bella,
e da ssu cori mia ho ddassèatu u signu.
 
Mo ssu risariu u dicu a ssa Madonnella,
ppe mmi fèari jiri dduvi chillu maritu mia,
ppe ccontinuèari chilla vita tanta bella,
e ppe lli rènnari a cumpagnìa chi mi facìa.
 
 
Un tizzone per compagnia
 
Sono sola in quest’angolo di caminetto,
sola, con un tizzone per compagnia,
vorrei sapere chi di ciò si prende gioco,
chi gioisce per questa condanna mia.
 
mio marito se n’è andato in paradiso,
quand’era vivo mi teneva compagnia,
i figli se ne sono andati a Treviso,
e mi hanno lasciato in quest’angolo.
 
Tempo addietro mi scrivevano un saluto,
mi dicevano che li si stava bene,
ora, anche il vizio di scrivere han perduto,
ma non mi fa paura neanche il tuono.
 
Ogni tanto al fuoco stuzzico questo tizzone,
dico una preghiera con il Rosario,
aspetto ansiosa che venga da me qualcuno,
per alleviarmi il dolore del costato.
 
Tutti i momenti penso agli anni passati,
quand’ero una graziosa ragazzina,
in quella casetta con cinque fratelli,
che bella famiglia, che famiglia bella.
 
Lavoravamo tutti per mandare avanti la casa,
chi zappava, chi con una mandria pascolava,
la sera l’allegria era sparsa su quei visi,
e si viveva da re in quella casa mia.
 
ma il tempo passa e tutto indietro lascia,
diventi grande e formi una famiglia,
cresci i figli, e mentre il tempo passa
cambia, e loro fanno a modo suo.
 
Non gli importa che sono sola in quest’angolo
in compagnia soltanto di un tizzone di legno,
a loro interessa solo la vita bella,
e in questo cuore mio hanno lasciato il segno
 
Ora il Rosario lo dedico a questa Madonnina,
per farmi andare da quel marito mio,
per continuare quella vita tanto bella
e per rendergli la compagnia che mi faceva.
 
 
 

Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!