fbpx

Na mamma suda

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Na mamma suda
 
Assettèata a nna sèggia, c’è nna mamma,
e ssa sèggia a tronngudìa avanti e arrìadi
a nnu pucciudillu cardaciusu fa lla nanna
dicìanni ssi parodi, vattìanni i pìadi.
 
“dùarmi dùarmi, fa a nanna,
dùarmi dùarmi, bìallu e mamma,
ca dumèanu vena pparta,
e nna cosa a ttia ti porta”
 
A nna rèasa e dìattu u curca, intra na cista,
e fòdari e spichi, mmudichèati a nna cuverta,
pòvara criatura ccu cchilla facciuzza pista cittu si nni va, dassanni a porta menza aperta.
 
Menzavia è scurèatu e allu focudèaru,
c’è ssudu u dustru e chilli vambi ardenti,
pija nnu stùazzu e cannìda vicinu u tidèaru,
e ll’appìccia, ca sinò un si vida nnenti.
 
E’ ssempri suda suda ssa pòvra mammarella,
tena ssudu ssi quattru muri ppe ccumpagnìa,
sempri assettèata, e ppenzerusa a nna rasella
e ugnettanti duvi u pucciudillu va ccampìa.
 
Pu pija lli fìarri e ncigna a ffèari na màglia,
attramenti i sperri e da sbeglia vèani alli novi,
si senti fischchèari u vìantu e ncuna gàglia,
passa nnu pocu, nu trùanu e ffori chiovi.
 
Minta nna poca e acqua intra na cannèata,
e stuta lli carbuna alla rèasa e du muru,
spuna lli fìarri alla sèggia chi si c’è assettèata,
e ssi va ccurca alla banna e du criaturu.
 
N’Avemmaria e nnu Gloria allu Bomminu,
ppe cchillu maritu, che ch’illa duntèana via
ll’accurciassa lli juarni nzìami  allu caminu
ca ssa mamma suda a bisùagnu e cumpagnìa.



Una mamma sola
 
Seduta su una sedia, c’è una mamma,
e questa sedia dondola avanti e indietro,
a un bimbo insofferente fa la nanna
dicendo queste parole, battendo i piedi.
 
“Dormi dormi, fai la nanna,
dormi dormi, bello di mamma,
che domani viene papà,
e una cosa porta a te”
 
A un angolo del letto lo corica, in una cesta,
di foglie di pannocchie avvolte a una coperta,
povera creatura, con quel visino cicciottello
in silenzio va via, lasciando la porta socchiusa
 
fuori è buio e al caminetto,
c’è solo la luce di quelle fiamme accese,
prende un pezzo di candela vicino il telaio,
e lo accende, perché non si vede niente.
 
E’ sempre sola questa povera mammina,
tiene solo queste quattro mura per compagnia,
sempre seduta e pensosa in un angolo,
ogni tanto dal bimbo va a dare un’occhiata.
 
Poi prende i ferri e inizia a fare una maglia,
intanto le lancette della sveglia fanno le nove,
si sente fischiare il vento dalle fessure,
passa un po’, un tuono e fuori piove.
 
Mette un po’ d’acqua in una cannata,
e spegne i tizzoni in un angolo di muro,
depone i ferri sulla sedia dove si è seduta,
e va a dormire al fianco del bimbo.
 
Un’Avemaria e un Gloria al Bambinello,
per quel marito che da quella lontana via,
gli abbreviasse i giorni assieme al cammino,
perché questa mamma vuole compagnia.
 
 
 
 
 
 
 
 
Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!