fbpx

I scarpi e du pòvaru

Il Vernacoliere di Angelo Canino
I scarpi e du pòvaru
 
Nn’hèani fattu caminu ssi scarpi vecchji,
a ssi pìadi e ssu pòvaru, vìarni e astèati,
mo su appichèati intra chilli catapecchji,
ppe rricordèari u tìampu passèatu.
 
A pprima matina, già èrani quazèati,
pronti a pportèari i gammi alla terra,
ccu ssudura e da frunta e tterra mischchèati,
‘ntacchèati ppe ssempri e da guerra.
 
E’ propiu tantu u caminu c’ho ffattu,
viji allu spèaru, chjini e petrarizzi,
a ssi pìadi u ll’ho ffattu nu bell’accattu,
a ssi pìadi e ssu pòvaru lli vena ll’aggrizzi.
 
Quanti pèari e dazzi! ll’èani attacchèati,
 ppe jjiri alla festa e du Conti e dda Cuntissa
quanti scupetti! ll’hèani ‘ncromèati,
quanni a duminica jìani alla missa.
 
Mma quanni era llunu, ‘ncignàvani torna,
a cchilli terri, a ssi ‘mpurbarèari,
si c’era spèaru, “ntosàvani i corna”,
fin’a ssira, chilli pìadi avìani e quazèari.
 
Chilli pìadi pòvari, dùardi e ccallusi,
vìarni e astèati, èani sempri quazèati,
mo suni vecchji, abbannunèati e ffetusi,
a nnu chiùavu e nu muru, stèani appichèati.
Le scarpe del povero
 
Ne han fatto cammino queste scarpe vecchie
ai piedi di questo povero, d’inverno e d’estate,
ora sono appese in quelle catapecchie,
per ricordare il tempo passato.
 
Di buon mattino, erano già calzate,
pronte a portare le gambe nei terreni,
col sudore della fronte alla terra mischiato
intaccate per sempre dalla guerra.
 
E’ proprio tanto il cammino che han fatto,
lungo vie impervie, piene di ciottoli,
su questi piedi non han fatto un bel guadagno
ai piedi di questo povero, son disgustate.
 
Quante paia di lacci! le hanno allacciate,
per andare la festa del Conte e della Contessa,
quante spazzole! le hanno lucidate,
quando alla domenica, andavano a messa.
 
Ma quand’era lunedì, iniziavano di nuovo
in quei terreni a sporcarsi di polvere,
se c’era impervio, lavoravano a forza,
fino a sera, quei piedi dovevano calzare.
 
Quei piedi poveri, sporchi e callosi,
in inverno e in estate hanno sempre calzato,
adesso son vecchie, abbandonate e puzzolenti,
a un chiodo in un muro, restano appese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!