fbpx

A dìttara

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A dìttara
 
C’era na vota nu fogliu bìallu e jjancu,
chi stèava intra na busta a d’aspettèari,
e dde aspettèari unn’era mèai stancu
ppecchì sapìa ca ncunu u jia a ppijèari.
 
Caccèatu fori e rripunutu a nnu mpèaru,
chiù ccuntìantu e ssu fogliu un c’era nullu,
ca stèava ppe jiri ppe tterra o ppe mmèaru,
accumpagnèatu e cumpearu francubullu.
 
Venìa scrittu e parodi duci e amurusi,
ppe èsari dejutu e graziusi quatrèari,
cci scrivìani puru i ritardi ccu lli scusi,
quanni partìani e un si vodìani ricordèari.
 
Cci scrivìani i saduti e da duntananza,
i jùarni bìalli, o puramenti chilli tristi,
cci scrivìani a gioia e na gravidanza,
i viaggi fatti duntèanu e lli posti visti.
 
Pu ssu fogliu chjinu, venìa chjichèatu,
e ccu ccura ripunutu intra a busta,
compa francubullu ci venìa mpracchjèatu,
e pportèata mpressa alla vicina posta.
 
E ccaminèava ssa dìttara, caminèava,
caminèava, e ssenza aviri manch’i pìadi!
arrivèava e ddoppi tìampu ritornèava,
passanni ppe mmèari, vudanni ppe ccìadi.
 
Mo, intra nu tiraturu è stèata ripunuta,
e compa francubullu no cchiù mpracchièata,
a genti mo ccu llu jìditu manna lli saduta,
ca u cellulari alla dìttara ll’ha ammazzèata.
 
E dde chillu fogliu resta ssudu nu ricùardu,
assìami alla busta e da compa francubullu;
e chillu fogliu fina chi campu u mmi scùardu,
e cchilla gioia u mm’a po ccaccèari nullu.  
La lettera
 
C’era una volta un foglio bello e bianco,
che stava in una busta ad aspettare,
e di aspettare non era mai stanco,
 sapeva che qualcuno da li lo avrebbe tolto.
 
Tolto fuori e riposto su uno spianale,
più contento di lui non c’era nessuno,
stava per andare per terra o per mare,
in compagnia di compare francobollo.
 
Veniva scritto con parole dolci e amorose,
per essere letto da graziose ragazze,
vi scrivevano anche i ritardi con le scuse,
quando partivano e non volevano ricordarsi.
 
Vi scrivevano i saluti della lontananza,
i giorni belli, oppure quelli tristi,
vi scrivevano la gioia di una gravidanza,
i viaggi fatti lontano e i posti visti.
 
Poi questo foglio pieno, veniva piegato,
e con cura riposto nella busta,
compare francobollo ci veniva affrancato,
e portata in fretta alle vicine poste.
 
E camminava questa lettera, camminava,
camminava, e senza avere nemmeno i piedi!
arrivava e dopo tempo ritornava,
passando per mari, volando per cieli.
 
Ora, in un cassetto è stata riposta,
da compare francobollo non più affrancata,
la gente ora con il dito manda i saluti,
perché il cellulare alla lettera l’ha uccisa.
 
E di quel foglio resta soltanto un ricordo,
assieme alla busta e  compare francobollo;
di quel foglio, finché vivo non mi dimentico,
e quella gioia non può togliermela nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!