A cantina e Gisberti

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A cantina e Gisberti
 
Accurriti fatigaturi, accurriti tutti,
stasira Gisberti strhivilla lli vutti,
è nnu rosèatu frizzanti e di “Pennini”
e b’assicuru ch’è unu e di mìagli vini.
 
Chissu dicìa d’anni sissanta u jettabanni,
chi ccu nna trhumma jia lli viji caminanni
tutt’a genti stèava allu ‘ntrhegudèari,
u fravicaturu, d’ortudèanu, u scarpèari.
 
Quann’era ‘mmrunèatu, quatti quatti,
a ppassu sbrignu e llìastu cumi i gatti
s’ajjhuncìani e jjìani cumi nenti fussa
duvi chilla frasca ccu lla dampadina russa.
 
All’intrha chilli vutti conzèati a ffida,
a nnu chjùavu nu cannìstrhu chjin’e mida
e stipèati intrha nu stipu e vitrhu,
i bicchera ppe llu vinu “trhìdici a llitrhu”.
 
Allu tàvudu, pisci sadèati e chèasu e vacchi,
dupina e nnucilli caccèati e chilli sacchi
spizzicàvani e bbivìani chilli fatigaturi
intrha chilla grutta cci stàvani uri e d’uri.
 
E ssi scordàvani i peni, i gueai e lli penzìari,
l’affunnàvani nu pocu, intrha chilli bicchìari
e quanni si nni jìani era nnu cursunijèari
tutti a via e da chèasa e ppu torna a fatighèari.
 
Torna ccu lli penzìari e ccu lli peni e sempri,
fin’acquanni u bbenìa torna dicembri
e bbìdari a frasca e lla dampadina appichèati,
e Gisberti c’avìa dde nùavu strhivillèatu.
La cantina di Gilberto
 
Accorrete lavoratori, accorrete tutti,
stasera Gilberto inizia le botti,
è un rosato frizzante dei “Pennini”
e vi assicuro che è uno dei migliori vini.
 
Così diceva gli anni sessanta il banditore,
che con una tromba camminava per le vie
tutta la gente stava ad ascoltarlo,
il muratore, l’ortolano, il ciabattino.
 
All’imbrunire, quatti quatti,
a passo veloce e lesti come i gatti
si riunivano e andavano come nulla fosse
dove quella cima con la lampadina rossa.
 
Dentro, le botti aggiustate in fila,
a un chiodo, una cesta piena di mele
e riposti in uno stipo di vetro,
i bicchieri per il vino “tredici a litro”.
 
Sul tavolo, pesci salati e cacio di mucca,
lupini e noccioline tolti dalle tasche
mangiucchiavano e bevevano quei lavoratori;
in quella grotta vi stavano ore e ore.
 
E si dimenticavano le pene, i guai e i pensieri,
li affondavano un po’ in quei bicchieri
e quando se ne andavano, era un serpeggiare
tutti verso casa e nuovamente a lavorare.
 
Con i pensieri e con le pene di sempre,
fino a quando arrivava di nuovo dicembre,
e vedere la cima e la lampadina appese,
e Gilberto che iniziava di nuovo le botti.
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!