fbpx

25 aprile

Bata - Via Roma - Acri

Anche sul mio paese un tempo

è passata la bufera

seminando morte ed orribili lutti.

Di molti resta il nome

su una pietra di marmo.

Altri sono solo un ricordo

sulle labbra di madri.

Francesco Curto

Considerazioni ad alta voce sul 25 aprile

Ci risiamo. Ogni anno la solita polemica per il 25 aprile. Il giorno della liberazione festa nazionale che tanti ancora vorrebbero abolire. Qualche anno fa pensavo anch’io che forse era arrivato il momento e il tempo della riconciliazione per vinti e vincitori. Speravo che i primi avessero metabolizzato il passato con tutto il disastro che avevano creato in venti anni di regime e che i vincitori smettessero di esacerbare con manifestazioni fortemente ideologizzate le piazze  per umiliare quanti in quella stagione avevano combattuto e creduto. In quei vent’anni l’Italia era tutta fascista, tranne quegli oppositori puri che, se non erano stati incarcerati, si erano rifugiati all’estero. Però, se il 25 aprile non può essere una festa per tutti e di tutti, allora io dico che non si può chiudere dentro un libro di storia un periodo di vent’anni,senza quella narrativa giusta della lotta contro il fascismo, con tutti i suoi abusi e soprusi, le torture  e le pretese guerre di conquiste per l’impero, dei giorni di fame, dei lutti e di quelletante vittime sacrificate in nome della razza. Tutto questo non può e non deve essere dimenticato. Se poi anche qualche vincitore, e ripeto qualcuno, ha abusato senza il rispetto delle regole, pur condannandoli, non si può non tenere conto in quei tristi giorni di quel principio fisico, che cita: ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Settantacinque anni ormai trascorsi da quel primo 25 aprile, e tanto oggi più che mai, ci sono rigurgiti  di fanatici di quel regime che osano senza pudore sfilare e presentarsi in piazza con violenza, supportati da partiti camuffati di populismo e sovranismo, che oggi hanno diritto di esistere perchè siamo in una democrazia. Il  diritto  è alla base di uno stato democratico. Questa gramigna, invece cresce e si nutre con la falsa propaganda di chi con violenza alimenta l’odio e in nome del popolo si arroga la presunzione per la richiesta di più potere. Io credo che oggi, alla luce di quanto accade, e soprattutto nel tempo del covid19, non sia anche il tempo di pacificare nessuno con nessuno. Anche oggi c’è chi rema contro e non per il bene comune. C’è oggi chi gioca a perdere in questa partita, che ci vede in difficoltà con noi stessi e con l’Europa. Bisognerebbe fare fronte comune ed invece c’è appunto chi gioca allo sfascio. La storia, dicitur, è maestra di vita. Uomini  e donne e giovani tantissimi hanno combattuto e vinto con il proprio coraggio e tanto sangue per una società libera e democratica. Non si può dimenticare le angherie, ma anche le privazioni e le violazioni dei sacri principi di libertà, calpestati dagli stivali di squadristi e tanti delinquenti assoldati dal regime. Non si può dimenticare, e non dimenticheremo mai, le tante vittime di un regime che ha portato l’Italia al disastro e alla distruzione fisica e morale. L’uomo forte,e l’uomo solo al potere non è la soluzione al problema dell’Italia di oggi. Un uomo solo o l’uomo della provvidenza può soltanto portare nuovamente l’Italia alla rovina. Il 25 aprile, il popolo ha potuto respirare un’aria nuova e pura che mancava da 20 anni. Perciò io festeggio, anche se non potrò scendere in piazza o sfilare per le strade, ma festeggerò con un canto intimo di un pensiero ad onore degli eroi della montagna che non hanno avuto la fortuna di vivere la democrazia. Canto questa volta O bella ciao…Una mattina vorrei svegliarmi e raccontare di questa festa ad un bambino che oggi, per la sua età, non potrebbe comprendere. Perciò affermo e grido: Oggi e sempre resistenza per difendere il 25 aprile.

Francesco Curto

Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!