fbpx

Tutti i jùarni

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Tutti i jùarni
 
Tutti i jùarni,
s’azèava ccu lla notti
u mmastu supa a ciuccia,
a zappa supa i spalli,
a gàccia alla currìja,
e ppe cchill’irtu jìa …
nu stantu ll’aspettèava,
cumi tutti i jùarni,
festa e ffidannèara,
minèava ccu lla zappa,
u suduru s’asciuttèava,
chjeanu s’avanzèava …
alli dòdici na sosta,
ccu ppipi, e ccarna e cùastu
e nnu bicchìari e vinu
difrischèatu e da matina
intra chilla jumarella;
oh! Cchi jurnèati belli!
A pezza è rripunuta,
a zappa e nùavu parra
parra e apra lla terra
e llu suduru curra
dùadini li spalli
e alli mèani, i calli …
sta ppe ffèari notti,
u mmastu carrichèatu
i sudura s’ha asciuttèatu
a zappa supa i spalli
a gàccia a lla currija
alla chèasa s’abbìa …
erani chissi i jurnèati
e chill’esistenza passèata,
a zappa, a ciuccia e lla gàccia,
nu stantu,
ccu lla zappa tanti botti …
… mmìanzu a ddua notti.
 
 
 
 
 
 
 
Tutti i giorni
 
Tutti i giorni,
si alzava con la notte
il basto sull’asino,
la zappa sulle spalle,
l’ascia alla cintura,
e per quell’erta andava …
uno duro terreno lo attendeva,
come tutti i giorni,
festivi e feriali,
picchiava con la zappa,
il sudore si asciugava,
lentamente si avanzava …
alle dodici una pausa,
con peperoni e carne di costato
e un bicchiere di vino,
tenuto fresco dalla mattina
in quella piccola fiumara;
oh! Che giorni belli!
La colazione è riposta,
la zappa nuovamente “parla”
parla e apre il terreno
e il sudore scorre
fanno male le spalle
e alle mani, i calli …
sta per imbrunire,
il basto è caricato,
il sudore si ha asciugato,
la zappa sulle spalle
l’ascia alla cintura
verso casa si avvia …
erano queste le giornate
di quell’esistenza passata,
la zappa, l’asino e l’ascia,
un duro terreno,
con la zappa tanti colpi …
… in mezzo a due notti.
 
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!