fbpx

Frevèaru

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Frevèaru
 
Frevèaru è misu curtu ma è d’amèaru,
però u vìarnu mo è quèasi alli porti,
u cori comincia a ssi rallegrèari,
ncìgnani a cchiàngiari i cuverti.
 
A mimosa comincia a ffèari i juri,
u percocu ‘ncigna a ssi ‘nzicchèari,
i jùarni alli cincu un su cchiù scuri,
i vigni mo su ppronti ppe lli zzappèari.
 
Frevèaru è llu misu e carnudevèaru,
e di ‘mpughelli chi mo su ttutti cangèati,
na vota si jìa ccu mmaschcara e ppanèaru
e ss’abbuschcàvani sazizzi e ssuppressèati.
 
E llu misu puru, diversu e tutti quanti,
è dde vintotti e ugnettanti ci nn’accucchia unu
avissa ppe cchèasu fattu pattu ccu llu Santi?
però un ci resci a ffèari cùnchjari u midunu!
 
Frevèaru, chèaru e bìallu frevaricchiu,
conzaticci ca tu si ccurtu, curticìallu,
e llu vìarnu u guardi ccu nna cuda e ùacchju
ca ti nni va e ffa postu allu tìampu bìallu.
 
 





Febbraio
 
Febbraio è mese corto ma è amaro,
però l’inverno ora è quasi alle porte,
il cuore inizia a rallegrarsi,
iniziano a piangere le coperte.
 
La mimosa inizia a sbocciare,
il pesco inizia a fare le gemme,
le giornate alle cinque non sono più buie,
le vigne sono pronte per essere zappate.
 
Febbraio è il mese del carnevale,
delle maschere che adesso sono tutte cambiate
un tempo si andava con maschera e paniere,
e si guadagnavano salsicce e soppressate.
 
È il mese anche, diverso da tutti gli altri,
è di ventotto e ogni tanto ne aggiunge uno,
non è che ha fatto patto con i Santi?
però non riesce a far maturare l’anguria!
 
Febbraio, caro e bello febbraietto,
rassegnati perché sei corto, cortino,
e l’inverno guardi con la coda dell’occhio,
perché te ne vai e fai posto al tempo bello.





 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!