fbpx

U mangèari e d’acritèani

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino

U mangèari e d’acritèani

Si vi pijèacia lu mangèari
e da muntagna fin’u mèari,
mo vi ccuntu cinc’o sia
cucinèati e duv’è mmia.
Na fressura bella ogliusa,
na cipulla si cci spusa,
i patèati fatt’a ffelli,
doppi fritti, mericelli!
Pu vi dicu e ssi fusilli,
ccu ppurpetti viatilli
e si vu pèrdari la cheapa,
c’è mischchèari carn’è crèapa!
E cchi ddiri e di finuacchji,
cchi ppiaciri avanti d’ùacchji,
fatti ccu nna daganella,
e dde cicìari na tijella!
Mo sentiti cchi cci fazzu,
ccu lli juri e di cucuzzi,
mparinèati e mpusi all’ova,
acchjattèati, e cchi si trova
i ba ppassa intrà lu medu,
n’acinella, na ntìa, nu vedu
alla fina ssi crijèati,
nua i cchiamèamu li nzunghèati!
Vi nni cuntu n’eatra e basta,
puri chissa a bèasa e pasta,
fatt’a mposti sup’u quèatru
stisa a mmèani da lu pèatru,
a ppezzarìalli tagliuzzèata
ccu llu fìarru na passèata,
chin’i pprova fa lli schcocchi,
su nna bumma, su lli gnocchi!

Il cibo degli acresi

Se vi piace il cibo/ dal monte fino al mare/ ora ve ne racconto cinque o sei/ cucinati dalle mie parti/ una padella ben oleata/ una cipolla si ci mette/ le patate fatte a fette/ dopo fritte, che buone!/ poi vi dico di questi fusilli/ con polpette beati loro/ e se vuoi perdere la testa/ devi aggiungere carne di capra/ e che dire dei finocchi/ che piacere davanti agli occhi/ cucinati con la pasta sfoglia/ e di ceci, un tegame/ adesso sentite cosa ci faccio/ con i fiori di zucca/ infarinati e bagnati nell’uovo/ appiattiti, e chi si trova/ li passa nel miele/ un pochino, un pizzico, un velo/ alla fine queste cose create/ noi le chiamiamo “nzungate”/ ve ne racconto un’altra e basta/ anche questa a base di pasta/ fatta a stocchi sul quadro/ stasa a mano dal padre/ a pezzetti tagliuzzata/ con il “ferro” una passata/ chi li prova fa le guance rosse/ sono una bomba, sono gli gnocchi!

Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!