fbpx

Mèan’e mmèani…allu dìattu si nni vèani

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino

Duv’i nonni a via e da cuta

a fatiga ll’ho spartuta

a nonna, mantena lla chèasa

u nonnu, fa ffatiga a d’ugne rrèasa

a nonna…

‘mpida ppipi ppe ssicchèari

tena spichi e spoderèari

nu quazunu vo ccusutu

ppe llu figliu ch’è benutu

chilli rasti ccu lli juri

sempri assista ccu d’amuri

sempri frischi e ppudizzèati

e di pàmpini sicchèati

u nonnu…

è duv’a crèapa ca vo mmunta

ajjunci llattu a jjunta a jjunta

e ddumèani versi l’otti

fa llu chèasu e lli ricotti

a jumenta e dde figlièari

è nnerbusa e nnu bo stèari

allu cùallu na carizza

e ci minta lla capizza

a nonna…

a nnu quèatru mina ppasta

fa ffusilli ppe lla festa

alli fìarri fa quazìatti

spanna e stira rrobbi nìatti

u nonnu …

va alla stalla e ppija llu rèanu

apprìassi a d’illu, sempri u chèanu

va ccuverna lli gallini

galli, jocca e ppullicini

a nonna…

tizzunija allu focudèari

minta ll’acqua ppe mmangèari

a nna fressura minti mmenti

e ccu ppatèati e ppipi uschchenti

u nonnu…

a nnu chèatu minta mmigliu

u va pporta a nnu cunigliu

mo na fìmmina e dde accattèari

torna e nùavu i bo arrazzèari

a nonna…

arramazza ccu nna scupa

va ccamina sutta e ssupa

fa boccacci ccu ccunserbi

e quann’è bìarnu si nni serbi

u nonnu…

si nni va allu magazzinu

va ttravisa na vutta e vinu

na cipulla all’ùartu coglia

e alla chèasa si ricoglia

mo su stanchi, a nna rèasa e focudèari

ncunu fattu de cuntèari

e ppu doppi mean’e mmèani

allu dìattu si nni vèani

mano nella mano … a letto se ne vanno

dai nonni alla Cuta*/ il lavoro l’hanno diviso/ la nonna accudisce casa/ il nonno fa lavori dappertutto.

La nonna … infila peperoni da seccare/ tiene pannocchie da sfoderare/ un pantalone vuole cucito/ per il figlio che è tornato.

Quei vasi con i fiori/ sempre assiste con amore/ sempre freschi e puliti/ dalle foglie secche.

Il nonno … è dalla capra che dev’essere munta/ unisce latte un pò alla volta/ e domani verso le otto/ fa il cacio e le ricotte.

La giumenta deve figliare/ è nervosa e non vuol stare/ al collo una carezza/ e gli infila la cavezza.

La nonna … su un quadro ammassa l’impasto/ fa fusilli per la festa/ ai ferri fa calze/ stende e stira il bucato pulito.

Il nonno … va nella stalla e prende il grano/ dietro di lui, sempre il cane/ va accudisce le galline/ i galli, la chioccia e i pulcini.

La nonna … alimenta i carboni nel camino/ mette l’acqua per la pasta/ a un tegame da un’occhiata/ è con patate e peperoncini.

Il nonno … in un secchio mette miglio/ e lo porta a un coniglio/ ora una femmina deve comprare/ di nuovo li vuole allevare.

La nonna … ramazza con una scopa/ va su e giù per le scale/ fa vasetti di genuinità/ e quando è inverno se ne serve.

Il nonno … se ne va nel magazzino/ va travasa una botte di vino/ una cipolla all’orto raccoglie/ e a casa se ne torna.

Ora sono stanchi ad un angolo di camino/ qualche fatterello da raccontare/ e dopo mano nella mano/ a letto se ne vanno.

*Cuta (frazione di Acri)

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!