fbpx

Alla dassèata

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Alla dassèata
 
Doppi na jurnèata passèata ccu nna zappa,
ccu nnu morsìallu mangèatu a menzijùarnu,
u zappaturu pia lla ciuccia e scappa
e ppe cchilla via, alla chèasa fa ritùarnu.
 
Alla cantina na vutta è stèata strivillèata,
u cantinìari aspetta c’u sudu s’mmucciassa,
i fatigaturi cci campìani alla dassèata
e ppe llu cantinìari ssa sirèata è grassa.
 
U fadignèamu ripuna llu serràcchiu,
dua tavudilli ha ffinitu e di sserrèari,
e ll’ha attacchèati strinti ccu nnu càcchiu,
dumèani su ppronti ppe lli ‘nchiovèari.
 
Puru u chianchìari ha cchiusu a putighella,
s’ha ccaccèatu u sinèadu chjinu e sangu,
è dde  stamatina c’ha ttaglièatu carna bella,
e nnu crapettìallu ll’è benutu francu.
 
U mudettìaru e du vùaschcu si ricoglia,
alla stalla, porta llu mudu a riposèari,
lli càccia llu mmastu, lli sciogli lla brìglia,
e lli duna na balletta ppe mmangèari.
 
U muraturu si ricogli tuttu ‘mpurbarèatu,
ha mmurèatu crita e ppetri e da jumèara,
na cantunera e chèasa ha ccomincèatu,
ppe ddua ziti frischi chi su jjuti alla tèara.
 
Ppe lli viji i guagliuni s’asciùttani i sudura,
s’mmùcciani e di gammi, a scurciatina,
e sinni jiri alla chèasa, mo è benuta d’ura,
e ppe llu cchiù stùartu ll’aspetta lla tappina.
 
Puru a gallina è stanca e ssi va ammasuna,
ha ccaminèatu e ppizzudijèatu e stamatina,
alla patruna n’ùavu friscu mo lli duna,
ca benadica tena lla vozza bella chjina.
 
Alla dassèata, si fèrmani tutti i strusci,
s’appìcciani i dumi  e ppuru i focudèari,
allun dìattu si nni vèani stanchi e mmusci,
dumèanu, torna e nuavu s’e dde ncignèari.






































 
 
 
 
 
A fine giornata
 
Dopo una giornata passata con una zappa,
con una colazione consumata a mezzogiorno,
lo zappatore prende l’asino e scappa,
e per quella via a casa fa ritorno.
 
Alla cantina una botte è stata iniziata,
il cantiniere aspetta che faccia buio,
i lavoratori ci vanno a fine giornata,
e per il cantiniere questa serata è grassa.
 
Il falegname ripone il seghetto,
due tavolette ha finito di segare,
e le ha attaccate strette con un cappio,
domani sono pronte per essere inchiodate.
 
Anche il macellaio ha chiuso la bottega,
si è tolto il camice pieno di sangue,
 è da stamattina che ha tagliato carne buona,
e un capretto gli è rimasto gratis .
 
Il mulattiere dal bosco fa ritorno,
alla stalla, porta il mulo a riposare,
gli toglie il basto, gli scioglie le briglie,
e gli da una balletta di fieno per mangiare.
 
Il muratore fa ritorno tutto impolverato,
 ha murato creta e pietre di fiumara,
un angolo di casa ha iniziato,
per due sposi, freschi di altare.
 
Per le vie i ragazzi si asciugano il sudore,
nascondono i graffi delle gambe,
di andare a casa, è arrivata l’ora,
e al capriccioso lo attende la pantofola.
 
Anche la gallina è stanca e va ad appollaiarsi,
ha camminato e beccato da stamattina,
alla padrona gli da un uovo fresco,
perché ha il gozzo bello pieno.
 
A fine giornata, si fermano tutti i rumori,
si accendono i lumi e anche i camini,
a letto se ne vanno stanchi e fiacchi,
domani, di nuovo si ricomincia.





















































 
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!