fbpx

E’dde tutti u Natèadu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
E’dde tutti u Natèadu
 
Ppe llu riccu è llu Natèadu,
ca si màngia llu cavièadu,
u pòvaru e ssu sapuru cchi nni sa?
U sapuru sua è llu baccadà.
 
U riccu fa ll’àrburu dorèatu,
ccu tanti palli u fa ‘ncioncianellèatu,
ccu mmilli ducìcchji ‘ntùarnu,
e quanni ll’appìccia assimìa juarnu.
 
U pòvaru, na cima e na frascogna,
tutta storta, propiu na vrigogna,
e ppu ppe ppariri cchiù bella,
‘ncuna mandarina e ‘ncuna caramella.
 
U riccu fa llu presèpiu ranni assèai,
assimia ca u ffinisci mmèai,
tutti chi si mùavini i pasquarìalli,
e di cchiù cchèari e ddi cchiù bìalli.
 
U pòvaru u fa supra nu tavudinu,
ci minta nu pupazzu ppe Bomminu,
quattru pìacuri apprìassi u pecurèaru,
na chèasa, na grutta e nnu cellèaru.
 
U Natèadu è ddu riccu e ttu fa ccapiri,
ca un si crida ll’ura e du vìdari veniri,
ma, puru u pòvaru aspetta ca vena,
ca è rriccu puru illu, ccu cchillu pocu chi tena.

E’ di tutti il Natale
 
Per il ricco è il Natale,
perché si mangia il caviale,
il povero di questo sapore che ne sa?
Il suo sapore è il baccalà.
 
Il ricco fa l’albero dorato,
con tante palle viene ornato,
con mille lucine attorno,
e quando le accende sembra giorno.
 
Il povero un ramo di agrifoglio,
tutto sbilenco, una vergogna,
e per sembrare più bello,
qualche mandarina e qualche caramella.
 
Il ricco fa il presepe grande assai,
sembra che non finisca mai,
tutti che si muovono i pastorelli,
dei più costosi e dei più belli.
 
Il povero lo fa su un tavolino,
e mette un pupazzo per Bambinello
quattro pecore dietro al pastore,
una casa, una grotta e una cantina.
 
Il Natale è del ricco e te lo fa capire,
perché non vede l’ora che arrivi,
ma, anche il povero aspetta che arriva,
è ricco anche lui, con quel po’ che tiene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!