fbpx

E’ benutu Natèadi

Il Vernacoliere di Angelo Canino
E’ benutu Natèadi
 
E’ benutu Natèadi,
e ssordi si nni spìannini assèai,
mangèari sprechèatu a ccuntèadi,
si mìntini e parti, dèbiti e ggueai.
 
D’àrburu vo ffattu dorèatu,
deci euri custa nna palla,
u presèpiu va ttuttu cangèatu,
n’appartamentu allu postu e da stalla.
 
A vijìdia, cavièadi e sciampagna,
pitanzi ccu lli pisci cchiù cchèari,
a Nnatèadi, purpetti ccu ssagna,
u righèadu e ciant’euri èame fèari.
 
Ma si n’àttimu ni fermèamu a ppenzèari
ca ppe nnua tuttu chissu è nnu stressi,
e c’è genti c’u ttena mmangèari,
e llu Natèadi lli passa llu stessi.
 
Mmianzu a gguerri e sangu jettèatu,
a ddoduru e cchiantu profunnu,
u Bomminu c’ha ssa festa mo è nnèatu,
dunassa pèaci e d’amuru a ssu munnu.
E’ venuto il Natale
 
E’ arrivato il Natale,
e soldi se ne spendono assai,
cibo sprecato a quintali,
si mettono da parte debiti e guai.
 
L’albero va fatto dorato,
dieci euro costa una palla,
il presepe va tutto cambiato,
un appartamento al posto della stalla.
 
La vigilia, caviale e champagne,
piatti con pesce del più costoso,
a Natale polpette con lasagna,
il regalo da cento euro va fatto.
 
Ma se un attimo ci fermiamo a pensare,
che per noi tutto ciò è uno stress,
e c’è gente che non ha da mangiare,
ma il Natale gli passa lo stesso.
 
Tra guerre e sangue versato,
a dolore e pianto profondo,
il Bambino che in questa festa è nato,
dia pace e amore a questo mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!