fbpx

Ppe nnu scordèari

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ppe nnu scordèari
 
Sbruffa nnu trenu, càrricu e genti,
u fumu è nnìvuru, e chilli carbuna,
va ppe ssa strèata c’oramèai tena a menti,
va ccu llu sudu, va ccu lla duna.
 
Si sìantini grida, miscchèati ccu chjanti,
e ùamini, fìmmini, pìcciudi e rranni,
strazijèati d’animi, i cori affranti,
quanni arrivèamu?, dduvi?, quanni?.
 
Doppi dua jùarni u trenu rallenta,
nu cancìallu s’apra e, trasutu si ferma,
“Arbeit Macht Frei” c’è scrittu, ma menta,
chissu è llu postu chi ppe sempri si dorma.
 
Spoglièati e di mmrogli, e d’affetti privèati,
nu nùmaru allu postu e du numu e ccugnumu,
cumi i voji e lli vacchi, i vrazza timbrèati,
libertà e speranza, jettèati a nnu jumu.
 
Munzìalli e scarpi, e riroggi e occhjèadi,
intra i càmmari a gas ammassati, aspettanni,
avanti i barracchi, u sangu a ccanèadi,
cuntìanti i surdèati, cantanni e ffischcanni.
 
Alli pìadi zùaccudi e dignu ppe llu caminu,
senza capilli alla cheapa, tutti carusèati,
ppe ssa pòvara genti è ssignèatu u destinu,
mùarti sfissijèati, mùarti ammazzèati.
 
I quatrèari e di pìadi pijèati e donnudijèati,
prima e ammazzèari facìani a scommessa,
i budàvani all’aria e benìani sparèati,
vincìa chini sparèava cchiù mpressa.
 
Na petra ppe ccoru e ugne ssurdèatu,
senza pietà ppe bìacchji e gguagliuni,
un ci nn’era d’unu, senza ssu pecchèatu,
u diàvudu ncùarpu, ràggia e dejuni.
 
Chillu ch’è ssuccessu, un si po cancellèari,
ssa pàggina brutta, ppe ssempri rimèana,
ssa brutta pàggina no cchiù è dde ritornèari,
razzi e ccuduri diversi, pijàmini ppe lla mèana
 
Per non dimenticare
 
Sbuffa un treno carico di gente,
il fumo è nero, di quei carboni,
va per la strada che ormai tiene a mente
va con il sole, va con la luna.
 
Si odono grida mescolate con pianto,
di uomini, donne, piccoli e grandi,
straziati gli animi, i cuori affranti,
quando arriviamo? dove? quando?
 
Dopo due giorni il treno rallenta,
un cancello si apre, entrato si ferma,
“Arbeit Macht Frei” c’è scritto, ma mente,
questo è il posto che per sempre si dorme.
 
Spogliati dei vestiti, degli affetti privati,
un numero al posto del nome e cognome,
come i buoi e le mucche, le braccia timbrate,
libertà e speranza, buttati in un fiume.
 
Cumuli di scarpe, di orologi e di occhiali,
nelle camere a gas ammassati, aspettando,
davanti le baracche, il sangue a fiumi,
contenti i soldati, cantando e fischiando.
 
Ai piedi zoccoli di legno per il cammino,
senza capelli in testa, tutti rasati,
per questa povera gente è segnato il destino,
morti asfissiati, morti ammazzati.
 
I bimbi per i piedi, presi e dondolati,
prima di uccidere facevano la scommessa,
li lanciavano in aria e venivano sparati,
vinceva, chi sparava per primo.
 
Una pietra al posto del cuore di ogni soldato,
senza pietà per vecchi e bambini,
non c’è n’era uno senza peccato,
il diavolo in corpo, rabbia di leone.
 
Quello che è successo, non si può cancellare,
questa pagina brutta, per sempre rimane,
questa brutta pagina non più deve ritornare,
razze e colori diversi, prendiamoci per mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!