C’era lla vita

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
C’era lla vita
 
Camignu intra ssi chèavi desolèati,
duvi na vota c’era lla vera vita,
tanti e ttanti genti ci su ccampèati
e annavota chilla vita mo è ffinita.
 
C’èrani barcuni ccu jjuri profumati,
quatrèari c’affacciavani ugne mumenti
denzudi spèasi ccu ccoscini ricamèati
piaciri all’ùacchji, si passèava genti.
 
I pomeriggi s’accucchjiàvani i vicini,
i giuvanelli ricamàvani u corredu
e ppezzulli e sita, e chilli fini fini,
ppe cchill’amuru dùciu cum’u medu.
 
I mammi cuntàvani fatti e du passèatu,
e quanni a guerra e llu meadicampèari,
penzanni allu munnu pu cangèatu,
e alli jùarni bìalli c’avìani e arrivèari.
 
I vìacchji ccu lla pippa carrichèata,
arrotàvani i quatrèari a nna rasella,
e ffina c’arrivèava lla mmrunèata
lli cuntàvani na bella rumanzella.
 
E c’era lla vita intra ssi cavarelli,
c’era musica, profumi e d’allegria,
c’èrani nonni, mammi e quatrarelli
cch’aggrizzu chi vena a ssi carni mia.
 
C’era nu passèari e genti e tutti d’uri,
u scupaturu nunn’appena fattu jùarnu,
u carbunèaru, d’ortudèanu, i zappaturi,
u capillèaru, ccu nna rolla e genti ntùarnu.
 
Mo chi camignu ppe ssi sìdichi vacanti,
mmìanzu tutti ssi chèasi abbannunèati,
mmìanzu alla tristizza e a ttanti chjanti,
vidìanni mo ssi mura tutti stonachèati.
 
I petri esciuti e fori, mùstrani d’anni,
a crita ha ffattu postu alli gramigni,
cchi nnustargia chilli tìampi e tanni,
ppe ssempri intra ssu cori rèstan’i signi.
C’era la vita
 
Cammino in queste viuzze desolate,
dove un tempo c’era la vera vita,
tanta e tanta gente vi ha vissuto,
e di colpo quella vita è finita.
 
C’erano balconi con fiori profumati,
ragazze che s’affacciavano ogni momento
lenzuola stesi con cuscini ricamati
piacere per la vista, se passava gente.
 
 Al pomeriggio si riunivano i vicini,
le giovinette ricamavano il corredo
e pezzi di stoffa di seta, di quelle sottili
per quell’amore dolce come il miele.
 
Le mamme raccontavano fatti del passato,
in tempo di guerra e di mal patire,
pensando al mondo poi cambiato,
e ai giorni belli che dovevano arrivare.
 
I vecchi con la pipa caricata,
accoglievano i ragazzi in un angolo,
e finchè non arrivava il tramonto,
raccontavano una bella romanza.
 
E c’era vita in queste viuzze,
c’erano musica, profumi, e allegria,
c’erano nonni, mamme e ragazzine
la pelle d’oca hanno le carni mie.
 
C’era un viavai di gente a tutte le ore,
lo spazzino, appena fatta l’alba,
il carbonaio, l’ortolano, i zappatori.
Il capellaio, con tanta gente attorno.
 
Adesso che cammino per queste erte vuote,
in mezzo a tutte queste case abbandonate,
in mezzo alla tristezza e a tanto pianto,
vedendo questi  muri tutti stonacati.
 
Le pietre ora scoperte, mostrano gli anni,
la creta ha fatto posto alle erbacce,
che nostalgia quei tempi di allora,
per sempre in questo cuore restano i segni.
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!