fbpx

Mi ll’abbrazzu strinti

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Mi ll’abbrazzu strinti
 
Nu càvudu juarnu e agustu, e du settanta,
mi signu ncaminèatu ppe jiri a trovèari i nonni
c’era lluntèanu, a strèata e fèari era ttanta,
chjina e ruvetti, c’arrivu acquanni acquanni.
 
Su sempri sudi, chilli nonnicìalli mia,
a cchilla cheasicella, intra chilla fattizza,
allura, iu ùgne ttanti, ci vè fazzu cumpagnia,
e a respirèari chill’orduru e aria sanizza.
 
Quanni arrivu, trùavu u nonnu intra a stalla,
è affaccennèatu ca c’è lla crèapa e figlièari,
e dde stanotti c’aspetta ca nasci ssa ciarbella,
s’è scordèatu puru e vìvari e dde mangèari.
 
Quant’è bìallu, quanni alla fàccia u guardu,
a varba janca a cchillu visu scrimijèatu,
crisciutu e pittirillu ccu cipulla, pèanu e llardu
ppe tutta a vita, è ssudamenti meadicampèatu.
 
Mo è vvìacchiu ccu ll’acciacchi e di tant’anni,
cumi nu dibbru e scoda tena chilla menti,
nn’ha ppassèatu gueai chilli tìampi e tanni,
e a mmia mi ccunta, cumi insegnamenti.
 
Tutt’a nna vota, fa nna risa e cuntentizza,
ccu lla vucca, e du mustazzu ammuccèata,
finalmenti è nnèata n’amuru e ciarbelluzza,
s’affaccia ffora, e llu grida a cchill’amèata.
 
A nnannarella, ch’è alla rèasa e du focudèari,
a cheapa chjichèata, alli mèani i patrinùasti,
e di doduri, è quèasi stanca e ssu campèari,
a fatiga fatta, è stipèata a cchilli pòvari cùasti.
 
Pur’illa è bella, ccu cchilla facciuzza pittirilla
i trizzi alli capilli, cumi a cìnnara, cudurèati,
alla frunta ci tena nu gudìu a fforma e stilla,
pur’illa a cchilli tìampi, gueai n’ha ppassèatu.
 
Ugne ttanti tutt’i dua, si fèani na guardèata,
e nna carizza, ca sudu chissu ll’è rrimastu
ppe d’illi, ugne ura è nn’ura arrobbèata;
moriri, ppe ttutti è nnu tintu destinu tristu.
 
E’ffattu quèasi notti, e m’aspetta chilla via,
mi ll’abbrazzu strinti, i dacrimi all’ùacchji,
ma era ccuntìantu c’avìa ffattu cumpagnia,
ppe nna jurnèta sèana, a cchilli dua vìacchji.
Me li abbraccio stretti
 
Una calda giornata di agosto, del settanta,
mi sono incamminato per andare dai nonni
c’era lontano, la strada da fare era tanta,
piena di rovi, sono arrivato con affanno.
 
Sono sempre da soli quei nonnini miei,
in quella casetta su quel campo di stoppia,
allora, io ogni tanto vado a fargli compagnia,
e a respirare quel profumo di aria sana.
 
Quando arrivo, trovo il nonno nella stalla,
è affaccendato, c’è la capra che deve figliare,
e da stanotte che aspetta, che nasca la capretta
si è dimenticato persino di bere e di mangiare.
 
Come è bello, quando lo guardo in viso,
la barba bianca, su quella faccia rugosa,
cresciuto da piccolo con cipolla, pane e lardo,
per tutta la vita è soltanto malvissuto.
 
Ora è vecchio, con gli acciacchi dei tanti anni,
come un libro di scuola, ha la mente,
ne ha passati di guai, in quei tempi di allora
e me li racconta, come insegnamento.
 
Tutt’un tratto fa una risata di soddisfazione,
con la bocca, dal baffo nascosta,
finalmente è nato un amore di capretto,
si affaccia sull’uscio e lo grida all’amata.
 
Alla nonna, che è all’angolo del caminetto,
il capo chino, nelle mani il rosario,
dai tanti acciacchi, è quasi stanca di vivere,
la fatica fatta, è tutta su quelle povere spalle
 
anche lei è bella, con quel viso piccolino,
le trecce ai capelli, come la cenere, colorati
sulla fronte ha una voglia a forma di stella,
anche lei in quei tempi, guai ne ha passati.
 
     Ogni tanto tutt’e due si danno uno sguardo,
e una carezza, ora solo questo gli è rimasto,
per loro, ogni ora è un’ora rubata;
morire, per tutti è un mero e triste destino.
 
Adesso è quasi buio, e mi aspetta quella via,
   li abbraccio stretti, con le lacrime agli occhi,
ma ero felice di aver fatto compagnia,
per un giorno intero, a quei due vecchietti.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!