fbpx

Giovan Battista Falcone suscita interesse e curiosità

Ci è pervenuta una lettera firmata ma l’estensore ci sembra non sia tra le nostre conoscenze.

Chiede, comunque, se, in epoca risorgimentale vi fosse stato in Acri qualche movimento significativo riconducibile a società o comitati segreti; se è certo che Giovan Battista Falcone sia stato ucciso o se sia caduto suicida; se i corpi dei trucidati a Sanza siano stati seppelliti nella chiesa di detto paese o meno.

Le risposte si trovano, ben documentate, citando le fonti, come si conviene. Cercheremo, comunque, di esaudire le curiosità del nostro lettore con la seguente nota sintetica.

Esistevano ad Acri uno o più comitati segreti. Uno era sorto a iniziativa del Falcone e di alcuni amici. Nel 1855 Gaetano Meringola, che si trovava nelle carceri di Acri, dice di carte segrete e oggetti settari che, però, non vengono rinvenuti.

Non sappiamo se al suddetto o ad altro appartenevano i giovani che scrissero una lettera anonima contro l’oratore sacro don Domenico Boscarelli, reo d’aver pronunciato parole ingiuriose nei confronti del Mazzini:

le sagge osservazioni dei dotti sono gradite: quelle fatte da ignoranti sono odiose al pubblico: sono stomachevoli, e d’insipienti e versipelli pedanti”.

La causa che ne seguì vide vari imputati. Notizie più circostanziate e documentate si trovano nel mio saggio: Giovan Battista Falcone segretario della spedizione di Sapri, edito dalla Rubbettino.

Nello stesso saggio si trova la risposta agli altri interrogativi: secondo Angelo Quaranta, che si trovava insieme al Pisacane e al Falcone, i due suddetti si suicidarono: “Ero vicino a Pisacane (…) che si tirò un colpo di fucile, Falcone pure si uccise sparandosi un colpo nella testa”.

I corpi dei caduti a Sanza non furono seppelliti nella locale chiesa ma, per ordine del giudice Leoncavallo, furono bruciati: i “cadaveri de’ rivoltosi uccisi ieri all’attacco di Sanza, ed il bruciamento di essi”.

Tutto questo, ripeto, è minutamente documentato. Chi sostiene diversamente dovrebbe produrre documenti atti per sconfessarlo e provare il contrario.

Tra le linee guida essenziali del nostro percorso esistenziale c’è sempre stata la ricerca minuziosa di documenti e l’abitudine ad attingere a fonti di prima mano. Altro modo di procedere nella ricerca storica non riteniamo possibile.

Speriamo di aver dato le delucidazioni richieste.

Giuseppe Abbruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!