fbpx

Signu brigantu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Signu brigantu
 
U tìampu era dde dupu,
u cìadu, nìvuru e ccupu,
a ccetta a lla currìa,
jìa ppe nn’irta via.
 
Fùrìastu cumi u vìantu,
d’ùacchiu sempri attìantu,
a ricchia a ‘ntregudèari,
e ttiru a ccaminèari.
 
Paura nnu nni tìagnu,
u vùaschcu è llu mia rìagnu,
arrocchèatu allu mantu,
signu Angiudu u brigantu.
 
Camignu sudu e notti,
a ccetta e llu duabotti,
mi sèani i dupi, a mmia,
e mmi fèani cumpagnìa.
 
Mi mangiu serbaggina,
a boti na gallina,
m’abbìvaru allu jumu,
allu stravìantu allumu.
 
A vita mia è sserbaggia,
‘ncùallu tìagnu a raggia,
ùadiu sudu ‘ncunu,
sudu u riccu patrunu.
 
Ppe mmia, u nn’esisti nnenti,
nè ffesta, nè divertimenti,
ppe lli vùaschchi, fischcu e ccantu
signu Angiudu, u brigantu.


















Sono brigante
 
Il tempo era di lupo,
il cielo nero e terso,
l’accetta alla cinghia,
andavo per un’erta via.
 
Funesto come il vento,
l’occhio sempre attento,
l’orecchio ad udire,
e avanzo nel cammino.
 
Paura non ne ho,
il bosco è il mio regno,
avvolto dal mantello,
sono Angelo il brigante.
 
Cammino solo di notte,
l’accetta e la doppietta,
mi sanno i lupi, a me,
e mi fanno compagnia.
 
Mi mangio selvaggina,
a volte una gallina,
mi disseto al fiume,
al riparo accendo il fuoco.
 
La vita mia è selvaggia,
addosso ho la rabbia,
odio solo qualcuno,
solo il ricco padrone.
 
Per me non esiste niente,
ne festa, ne divertimento,
nei boschi fischio e canto,
sono Angelo, il brigante.
 

















Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!