fbpx

U trenu e du migranti

Il Vernacoliere di Angelo Canino
U trenu e du migranti
 
Su lli sia e na tristi jurnèata,
m’èaiu e azèari e ssu càvudu dìattu
a vadìgia è llà e bo priparèata
signu nerbusu e nnu ppiju riggìattu.
 
Nu quazunu struttu e nna maglia e dèana,
nu pèaru e quazìatti e nna cammisa e ciniglia
oji si parta ppe nna Terra duntèana,
oji si dassa l’affettu e da famiglia.
 
Alla staziona c’è llu trenu c’aspetta,
tutti i jùarni sempri alla stess’ura
parti fischcanni e ssempri e fretta
ppe muntagni e pprèati e milli cudura.
 
Sempri camina, sempri sbruffanni,
e diu all’intra sempri penzanni
“ssu trenu camina ppe tant’anni,
portanni a spassu pìcciudi e rranni”.
 
Porta llu pòvaru, porta llu riccu,
porta llu scodèaru e llu quatrarìallu
ccu llu tìampu mpusu, ccu llu tìampu siccu
ccu llu tìampu bruttu e ccu llu tìampu bìallu.
 
Mo porta puru a mmia a nna strània Terra,
ppe m’abbuschchèari nu pìazzu e pèanu
a ssu tìampu tristi, a ssu tìampu e guerra
duntèanu e di chèari ppe nn’annu sèanu.
 
Càngia tìampu, joca a ccangèari mpressa,
falli ffiniri ssi jùarni e pezzentìa
ssu trenu fermu, alla staziona sempri stissa
e diu ccu lli chèari, allu paisìallu mia.
 
Il treno dell’emigrante
 
Sono le sei di una triste giornata,
mi devo alzare da questo caldo letto
la valigia è la e vuole riempita
sono nervoso e non mi rilasso.
 
Un pantalone consumato e una maglia di lana,
un paio di calze e una camicia di ciniglia
oggi si parte per una Terra lontana
oggi si lascia l’affetto della famiglia.
 
Alla stazione c’è il treno che aspetta,
tutti i giorni sempre alla stessa ora
parte fischiando e sempre di fretta
per montagne e prati di mille colori.
 
Sempre cammina, sempre sbuffando,
ed io dentro, sempre pensando
“questo treno cammina per tanti anni
portando a spasso piccoli e grandi”.
 
Porta il povero, porta il ricco,
porta l’alunno e il bambinello
col tempo bagnato, col tempo secco
col tempo brutto, col tempo bello.
 
Ora porta anche me in una estranea Terra,
per guadagnare un pezzo di pane
in questo tempo triste, tempo di guerra
lontano dai cari per un anno intero.
 
Cambia tempo, sbrigati a cambiare in fretta,
fai finire questi giorni di pezzenteria
questo treno fermo, alla stazione restasse
e io con i cari al paesello mio.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!