fbpx

A vita

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A vita
 
A vita è nnu fidu finu finu,
s’a spùarzi u ccumporta e tti castìa
sùbitu t’accùrcia llu caminu
ppe lla mèana ti porta all’èatra via.
 
Fèrmati ccu ssa zappa a ssa jumèara,
ss’acqua è ccumi a vita chi camina
a via è ppenninenti e spèara,
a vita, e patimìanti è cchjina.
 
Tanti cosi fa quanni si bivu,
si cumi nu munzìallu e rina,
chi vena passèata ccu nnu crivu,
e alla fina, esci terra fina.
 
Ma pu, passa llu tìampu e ffuji,
i terri n’èatra vota ccu lli troppi
tu ti nni dèavi i mèani e tti stui
dassanni tuttu a cchini veni ddoppi.
 
A vita è ccumi u sudu,
quann’èsci quadìa a ttutti,
ma pu a dugnedunu vota llu cudu,
sinò supa ssa terra stèamu ‘ncutti.
La vita
 
La vita è un filo sottile,
se la sforzi non sopporta e ti punisce
subito ti accorcia il cammino
per mano ti porta sull’altra via.
 
Fermati con la zappa a questa fiumara,
quest’acqua è come la vita che cammina,
la via è in discesa e impervia,
la vita, di patimenti ne è piena.
 
Tante cose fai quando sei vivo,
sei come un cumulo di sabbia,
che viene passata col setaccio,
e alla fine, esce sabbia fine.
 
Ma poi. passa il tempo e fugge,
i terreni diventano di nuovo incolti
tu te ne lavi le mani e le asciughi,
lasciando tutto a chi viene dopo.
 
La vita è come il sole,
quando esce riscalda a tutti,
ma poi a ognuno volta le spalle,
altrimenti su questa terra staremmo stretti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!