fbpx

Alla mia bella

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Alla mia bella
 
M’è sonnèatu ca scrivìa na poesia,
assettèatu alla rèasa e nu vallunu,
e guardèava chill’acqua chi scurrìa,
anninnèatu e du friscu e nu pirunu.
 
Unn’avìa lla pinna e nnè lla carta,
ppe scrìvari ssi parodi affurtunèati,
lle scritti ccu llu sangu e na ducerta,
supa pàmpini e castagna accucchjèati.
 
Doppi scritti, alla bella lle mannèati,
ppe nnu cardillu e nu ‘ncantèatu cantu,
avìa lli pinni ducenti e ccudurèati,
“rallegramillu tu ssu cori affrantu”!.
 
Vuda dìbbaru ppe vvalli e ppe mmuntagni,
mmìanzu all’orduru e jinostri juruti,
a bellizzi e ccuduri e di campagni,
e d’a cchèasi e crita, de li tìampi juti.
 
Arrivèatu chi si a ssa cheasicella,
bussa ccu llu pizzu alla finestra,
e cquanni s’affaccia lla mia bella,
ssi pàmpini e castagna a d’illa mustra.
 
E cquann’i ddeja guardàlla intra d’ùacchji,
e ffammi sapiri si su tristi o su ducenti,
ca u tìampu passa e nni facimu viacchji,
e dde ssa vita, unn’i rimèana nnenti.
 
Ca iu c’è scrittu c’a vùagliu beni assèai,
e nnu smìattu mèai e ll’amèari,
si fa nnu cìannu, alla trovèari vèaiu,
ca sudu ccu d’illa mi vùagliu spusèari.
 
 
Alla mia bella
 
Ho sognato che scrivevo una poesia,
seduto sulla riva di un vallone,
e guardavo quell’acqua che scorreva,
dondolato dall’ombra di un prugno.
 
Non avevo la penna, nè la carta,
per scrivere queste parole fortunate,
le ho scritte col sangue di una lucertola,
sulle foglie di un castagno, unite.
 
Dopo scritte all’amata le ho mandate,
tramite un cardellino, dal melodioso canto;
aveva le pinne lucenti e colorate;
“rallegramelo tu questo cuore affranto!”
 
Vola libero per valli e per montagne,
in mezzo all’odore di ginestre fiorite,
a bellezze e colori delle campagne,
e a case di creta, dei tempi passati.
 
Appena arrivato a quella casetta,
bussa col becco alla finestra,
e quando si affaccia la mia amata,
queste foglie di castagno, a lei mostra.
 
E quando le legge, guardala negli occhi,
e fammi sapere se sono tristi o sono lucenti,
perché il tempo passa e diventiamo vecchi,
e di questa vita non ci rimane niente.
 
Io, gli ho scritto che le voglio bene assai,
e non smetto mai di amarla,
se fa un cenno, a trovarla vado,
perché solo con lei mi voglio sposare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!