fbpx

‘N’campagna ti nnè jiri

Il Vernacoliere di Angelo Canino
‘N’campagna ti nnè jiri
 
Profumèata e cìantu rosi,
a campagna è lla c’aspetta,
e cchìni si ci va arriggetta,
vida ccosi! Vida ccosi!
 
Nu cardillu a nna castagna,
è a nna cima e ssa fischca,
n’acelluzza si ci mischca,
e lla fèama ci ll’attagna.
 
Na ducerta pia llu sudu,
ùacchji vispi e rricchji tisi,
c’ha ddormutu setti misi,
e nnu bò mmoriri e crudu.
 
A nnu gallinèaru nùavu,
na gallina carcarìa,
nannarella va ccampìa,
e ci trova nu bell’ùavu.
 
C’è nnu sùrici alla taglioda,
ccu nnu mullichìallu e pèanu,
ppe lla gatta è ppastu sèanu,
ppe lla gatta de Nicoda.
 
Quanti muschi duvi a ciuccia,
chì si spuna e cchini vuda,
illa i ssècuta ccu lla cuda,
pu si stizza e ssi va ammùccia.
 
Mamma jocca va ccamina,
ccu lla cuva è d’esciuta,
s’i mmunìasti lla patuta,
pizzu prontu e ss’abbicina.
 
Su lli pìacuri misi a ffida,
ìascini ppe ppàsciari,
pàscini ppe ccrìsciari,
e llu pecurèaru rida.
 
A nnu saccu chjinu e rèanu,
nu viarìallu ccu ffurmichi,
minti nn’attu u dittu anticu
“alla tèana porta pèanu”.
 
Si un ci vivi, u ppu capiri,
ne ammirèari ssa vita bella,
u cunsigliu e nannarella?
“’n’campagna ti nnè jiri”!
In campagna devi andare
 
Profumata da cento rose,
la campagna è li che aspetta,
e chi ci va per riposare,
vede cose! Vede cose!
 
Un cardellino su un castagno,
è su un ramo e sta fischiando,
un uccellino lo raggiunge,
e la “fame” gli calma!
 
Una lucertola è uscita al sole,
occhi vispi e orecchie tese,
ha dormito sette mesi,
e non vuole morire di crudo.
 
In un pollaio nuovo,
una gallina crocchia,
nonnina va a vedere,
e vi trova un bell’ uovo.
 
C’è un topo alla tagliola,
con una briciola di pane,
per il gatto è pasto intero,
per il gatto di Nicola.
 
Quante mosche dove l’asino,
chi si posa e chi vola,
lei le caccia con la coda,
poi si stizza e si nasconde.
 
Mamma chioccia va cammina,
con la covata è uscita,
se li molesti sei “fottuto”
becco pronto e si avvicina.
 
Sono le pecore messe in fila,
escono per pascolare,
pascolano per crescere,
e il pastore ride.
 
A un sacco pieno di grano,
c’è un viavai di formiche,
mettono in atto il detto antico
“alla tana porta pane”.
 
Se non ci vivi, non puoi capire,
ne ammirare questa vita bella,
il consiglio di nonnina?
“in campagna devi andare”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!