fbpx

L’operèaiu e da forestèada

Il Vernacoliere di Angelo Canino
L’operèaiu e da forestèada
 
Si ppe cchèasu va intra nu vùaschcu,
e vidi ca è annettèata ugne rrèasa
pudizzèatu e abbellitu ugne ccùaschcu
è ppecchì c’è stèata tanta fatiga spèasa.
 
D’operèaiu e da forestèada parti pprìastu,
ccu lla ccetta, a fàvuci e lla tridenta
allu vùaschcu s’accùcchja ccu llu rìastu
e ugnedunu cche dde fèari u sa a mmenta.
 
Stèrra lli schcantramèani e lli ruvetti,
ammìta lli pàdura doppi appizzutèati
i ‘ntraguàrda ccu nn’ùacchju si su deritti
i ppàssa alla vamba doppi scurcèati.
 
‘Ncatùsa chill’acqua frisca ccu mattuna,
ccu petri a facciavista abbellìsci lli funtèani
canùsci llu tìampu e lla minima e da duna
è ùaminu forti, callusi tena lli mèani.
 
Chjànta lli sepi, d’abeti e lli pinacchjìalli,
e jùarnu doppi jùarnu i vida ranni diventèari
allasca lli cchiù ‘ncutti ppe pariri bìalli
e tutt’attùarnu è ssempri nu cangèari.
 
Alli novi càccia llu morsìallu e da pezza,
sazizza, suppressèata e dumincèani fritti
nu bicchìari e vinu friscu ppe lli cannarozza
e mangìanni cùnta fattarialli e dditti.
 
A sira alla mmrunèata ricoglia ll’attrezzi,
e sinni jiri alla chèasa mo è benuta d’ura
a faccia e ss’operèaiu è chjina e cuntentizzi,
ca pur’oji ha abbellitu u vùaschu e lla natura.
 

L’operaio della forestale
 
Se per caso entri in un bosco,
e vedi che è pulito dappertutto
pulito e abbellito ogni albero
è, perché c’è stata tanta fatica fatta.
 
L’operaio forestale parte presto,
con l’ascia, la falce e il tridente
al bosco si congiunge con gli altri
e ognuno ciò che deve fare lo sa bene.
 
Estirpa le eriche e i rovi,
accatasta i pali dopo appuntiti
li squadra con un occhio se sono diritti
li passa alla fiamma dopo averli scortecciati.
 
Incanala l’acqua fresca con i mattoni,
con pietre a faccia vista abbellisce le fonti
conosce il meteo e le fasi della luna
è uomo forte, con le mani callose.
 
Trapianta le siepi, gli abeti e i pini,
e giorno dopo giorno li vede crescere
sfoltisce gli eccessivi per sembrare belli
e tutt’intorno è un continuo cambiamento.
 
Alle nove toglie il cibo dalla tovaglietta,
salsiccia, soppressata e melanzane fritte
un bicchiere di vino fresco per il gargarozzo
e mentre mangia racconta fatterelli e detti.
 
La sera all’imbrunire raccoglie gli attrezzi,
è arrivata l’ora di ritornare a casa
il viso di questo operaio è pieno di felicità;
 anche oggi ha abbellito il bosco e la natura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!