fbpx

Na notti

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Na notti
 
A nna scura cavarella,
caminèava a menzannotti
sutta u muschcu avìa ll’urmella
e a nna mèana dua ricotti.
 
Chilla chèava abbannunèata,
mi facìa cachèari sutta
un ci nn’era cchiù passèata
a genti era ffujuta tutta.
 
Allu mmìanzu era arrivèatu,
e ssìantu na fragasciatina,
nu gattunu era ammuccèatu
alla porta e na cantina.
 
Signu mùartu e du spamiantu,
cumi nu dampu s’è ffughèatu
ll’è minèatu cumi nu vìantu
ccu ll’urmella allu costèatu.
 
Chill’urmella cci ll’è rutta,
i ricotti u ll’è trovèati
sentìa sudu na puzza brutta,
era d’iu ch’era ccachèatu!!!
 
Una notte
 
In un buio vicoletto,
camminavo a mezzanotte
sotto l’ascella avevo l’ombrello
e in una mano due ricotte.
 
Quel vicoletto abbandonato,
me la faceva fare sotto,
non ce n’era più viavai
la gente era andata via tutta.
 
Al centro ero arrivato,
e sento un fracasso,
un gattone era nascosto
alla porta di una cantina.
 
Sono morto per lo spavento,
come un lampo si è lanciato
l’ho picchiato velocemente
con l’ombrello sul costato.
 
Quell’ombrello ce l’ho rotto,
le ricotte non le ho trovate,
sentivo solo una puzza brutta,
ero io che me l’avevo fatta addosso!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!