fbpx

M’affàcciu e ssa finestra

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
M’affàcciu e ssa finestra
 
Signu steatu a nnu paravisu abbannunèatu
signu trasutu intra na vecchia cheasicella,
a cchilla rèasa e chilla frisca jumarella;
tant’anni arrìati iu lla cci signu nèatu.
 
Sagliu supa e vèaiu affàcciu e da finestra,
viju u nonnu ccu lli pìacuri e lli crèapi,
a nonna all’ùartu coglia nnu mazz’e rèapi,
si nni trèasa e cci va ffa na bella minestra.
 
Viju nu chèanu chi curridìa nnu gattu,
n’acelluzzu chi sbudazza supa na cima,
duvi c’era stèatu puru u jùarnu prima
si ferma e ppizzudìa a nnu midu spattu.
 
Viju u cìadu sempri cchiù annuvidèari,
sperièamu ca facissa na bell’acqua assèai,
ca chissa è ppròpiu cumi n’acqua e mèai,
e alli majisi serba a lli sponzèari.
 
Viju a papà chi zappa mpressa alla vigna
ugnettanti  alla frunta asciutta llu suduru,
u tena ‘nzuppèatu chillu santu muccaturu;
dassa lla zappa e ba ttaglia lli digna.
 
Viju a mamma; ccu nnu vettu sècuta lla gatta
si ‘mpizza d’ìntra ca vo jjiri alla pignèata,
all’intra c’è nna sazizza appena cucinèata,
ca mò d’ura ppe mmangèari è quèasi fatta.
 
Viju a notti e lla duna, e ccu llu sudu u jùarnu
viju a gatta, a nnannuzzu e a nnannarella,
viju u chèanu, a ppapà e a mmammarella,
e ssa finestra, tuttu chissu viju ‘ntùarnu.
 
A nna vota, sìantu u fischcu e nu cardillu,
mi risbigliu e biu ruvetti ‘mprascunèati,
rèstani nu sùannu ssi tìampi mo passèati,
nu sùannu e quann’era pittirillu pittirillu.
Mi affaccio da questa finestra
 
Sono stato in un paradiso abbandonato
sono entrato in una vecchia casetta
alla riva di una fresca fiumara;
tanti anni fa io li ci sono nato.
 
Salgo su e mi affaccio dalla finestra,
vedo il nonno con le pecore e le capre,
la nonna nell’orto raccoglie un mazzo di rape
 rientra e va a cucinare una bella minestra.
 
Vedo un cane che rincorre un gatto,
un uccellino che svolazza su un ramo,
dove c’era stato pure il giorno prima
si posa e becca una mela marcia.
 
Vedo il cielo sempre più nuvoloso,
spero che faccia un’abbondante pioggia,
questa è proprio come l’acqua di maggio,
e ai maggesi serve ad annaffiare.
 
Vedo a papà che zappa con vigore la vigna,
ogni tanto in fronte asciuga il sudore,
lo tiene inzuppato quel santo fazzoletto;
lascia la zappa e va a tagliare la legna.
 
Vedo  mamma, con una verga rincorre il gatto
si infila dentro e vuole andare alla pignatta,
all’interno c’è una salsiccia appena cucinata,
perché adesso l’ora per pranzare è quasi fatta.
 
Vedo la notte e la luna, e con il sole il giorno,
vedo la gatta, il nonno e la nonna,
vedo il cane, il babbo e la mamma,
da questa finestra tutto questo vedo attorno.
 
A un tratto, sento il canto di un cardellino,
mi sveglio e vedo rovi e sterpaglie
restano un sogno questi tempi ora passati,
un sogno di quand’ero ragazzino.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!