Alla chèasa si nascìa e ssi morìa.

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Alla chèasa si nascìa e ssi morìa
 
Ntinnanti èrani i gridèati,
appena nèatu intra chilla chèasa;
u chjantu e lli grida disperèati,
quanni mùartu ll’ho mmisu a nna rèasa,
a cchilli tìampi alla chèasa si nascìa,
a cchilli tìampi alla chèasa si morìa.
 
Tanni d’amici e lli parìanti tutti,
èrani priparèati ppe ssi mumenti,
ppe lli mumenti bìalli e ppe lli dutti,
a chèasa a stessa, i chjanti differenti,
appena mùartu o puru appena nèatu,
o chjangìa tu o chjangìa llu vicinèatu.
 
A nàscita era sempri na cuntentizza,
d’aria profumèava dde fasciaturi,
e du cipriu e ddu pèanu alla cannizza,
cuntìanti a cchilla chèasa puru i muri
a vammèana u dunèava a mammarella,
e ll’agurèava na vita ricca e bella.
 
A morti era sempri na tristizza,
d’aria puzzèava dde cannida,
a llu vìdari friddu a pella aggrizza,
d’ùrtimu sadutu alli parìanti a ffida,
e quanni u prìavitu u duna allu Signuru,
a cchilla chèasa scinna ppe sempri u scuru.
 
Chissa è lla chèasa, a chèasa e na vota,
ll’accoglìa a brazza aperti quanni nascìa,
cci criscìa, facìa famiglia e gira e bota,
ll’accòglìa puru quanni a vita sua finiscìa,
e ssi priparèava ppe nn’èatra nova vita,
a ll’accògliari e ccrìsciari fina alla finita.
In casa si nasceva e si moriva
 
Squillanti erano le grida,
appena nato in quella casa;
il pianto e le grida disperate,
da morto, posto in un angolo,
a quei tempi a casa si nasceva,
a quei tempi a casa si moriva.
 
Allora gli amici e i parenti tutti,
erano preparati a questi momenti,
per i momenti belli e per i lutti,
la casa la stessa, il pianto differente,
appena morto oppure appena nato,
o piangevi tu o piangeva il vicinato.
 
La nascita era sempre un’allegria,
l’aria profumava di fasce,
della cipria e del pane alla credenza,
contenti in quella casa anche le mura,
l’ostetrica lo “donava” a mammarella,
e gli augurava una vita ricca e bella.
 
La morte era sempre una tristezza,
l’aria puzzava di candela,
nel vederlo freddo la pelle aggrinzisce,
l’ultimo saluto ai parenti in fila,
e quando il prete lo dona al Signore,
in quella casa scende per sempre il buio.
 
Questa è la casa, la casa di un tempo,
lo accoglieva a braccia aperte quando nasceva
vi cresceva, formava famiglia e dopo tempo,
lo accoglieva anche quando la vita finiva,
e si preparava per un’altra nuova vita,
ad accoglierla e farla crescere fino alla fine.
Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!